Omicron, Israele pronta a fermare le vaccinazioni: la strategia

Secondo il professor Cyrille Cohen l’ondata finirà solo dopo che le masse sono state infettate

Omicron, Israele pronta a fermare le vaccinazioni: la strategia
Gerusalemme, Israele
newsby Lorenzo Grossi30 Dicembre 2021


Israele non ha alcuna intenzione di arrestare l’ondata di Omicron che ha già investito il Paese. Paese, infatti, che è pronto a cambiare strategia e a considerare la sospensione dei vaccini.  È, di fatto, una notizia rivoluzionaria. Una strategia che viene spiegata dal professor Cyrille Cohen, capo del laboratorio di immunologia presso l’Università di Bar-Ilan. “La quinta ondata potrebbe finire quando un gran numero di persone sarà infettato, ha affermato al Jerusalem Post. “Solo attraverso l’esposizione naturale, quando protetto con i vaccini, vedo questo virus diventare endemico. Il professor Hagai Levine, presidente dell’Associazione israeliana dei medici della sanità pubblica, aggiunge poi: “Poiché Omicron è così contagiosa, i nostri sforzi per fermarne la diffusione sono probabilmente piuttosto inutili. Non fermeremo questa ondata”.

“Omicron causa in Israele infezioni meno gravi in ​​generale”

“Quello che possiamo e dovremmo cercare di fare è proteggere il più possibile i più vulnerabili. Cohen ha dichiarato di non raccomandare feste Covid, dove le persone cercano di contrarre il virus. Tuttavia, ha anche detto: “Abbiamo cercato di schivare il proiettile per due anni e in Israele abbiamo avuto successo in una certa misura. Ma la maggior parte dell’umanità è ancora viva dopo aver contratto il Covid. Una nuova ricerca ha iniziato a emergere mostrando che le persone vaccinate che contraggono il virus (cioè infezioni rivoluzionarie) sviluppano un’immunità “super” o “ibrida”. Il che significa che producono livelli molto elevati di anticorpi in grado di neutralizzare diversi ceppi di Covid-19 e altri virus. È anche improbabile che sviluppino una malattia grave.

La ricerca sta iniziando a dimostrare che Omicron causa infezioni meno gravi in ​​generale. Ciò significa che, delle oltre 80 persone ricoverate in ospedale con una malattia grave, solo due hanno la variante fino ad oggi. Inoltre, uno studio pubblicato questa settimana su MedRxiv ha scoperto che anche le persone infettate da Omicron sono protette da Delta. “Il gran numero di persone infette da Omicron previsto in Israele e nel mondo potrebbe aumentare significativamente il livello di immunità dell’intera popolazione e aiutare a sradicare la Delta e almeno alcune delle altre varianti”, ha twittato il professor Eran Segal, un biologo computazionale del Weizmann Institute of Science di Rehovot, in risposta allo studio.

La strategia di Israele contro Omicron porterebbe a una “quasi immunità di gregge”

In sintesi, quindi, Israele non lotterà strenuamente contro Omicron e i suoi contagi: tre dosi, più l’infezione, dovrebbero essere soluzione “definitiva” senza conseguenze gravi. Levine ha affermato che se lo studio si rivelerà corretto, “forse Omicron segnerà una transizione epidemiologica allo stadio endemico del virus”. Ma in che modo l’infezione di massa fermerebbe il Covid? “Riguarda il numero di riproduzione o ‘R’. Diciamo che l’influenza arriva in una comunità in cui le persone non sono immuni. Una persona si ammala e infetta tre persone. Ognuna di queste persone infetta altre tre persone e il virus si diffonde. Ma la prossima volta, quando quella stessa persona prende l’influenza, il suo corpo la combatte più velocemente e questa volta infetta solo una persona. Nel turno successivo, l’individuo non condivide la malattia e per la maggior parte smette di diffondersi”.

La prima e la seconda ondata si sono concluse quando Israele si è bloccato. La terza si è chiusa in occasione della straordinaria campagna di vaccinazione e la quarta ondata è stata interrotta a colpi di richiamo. “Il virus non ha abbastanza ospiti per proliferare all’interno della popolazione”, ha spiegato Cohen. “È quasi l’immunità di gregge”. Levine ha affermato che Israele dovrebbe smettere di pensare a ondate e iniziare a pensare invece a rafforzare l’immunità e la resilienza della comunità contro il virus, investendo in misure di salute pubblica. “Dobbiamo evitare misure globali. Non dovremmo chiudere le scuole. Non dovremmo rinchiuderci né chiudere gli aeroporti”, ha sottolineato. “Dovremmo avere misure proporzionate”.


Tag: Cyrille CohenIsraeleOmicron