Oligarchi russi: chi sono quelli morti in circostanze sospette nel 2022

Vladislav Avayev e Sergey Protosenja, trovati senza vita nella seconda metà di aprile, sono soltanto gli ultimi di un elenco (non esattamente brevissimo) che riguarda i primi mesi di quest’anno solare

Un assassino con la pistola
Foto Pixabay | leo2014
newsby Lorenzo Grossi27 Aprile 2022


I due oligarchi russi trovati morti insieme alle loro famiglie a 48 ore di distanza in presunti omicidi-suicidi sono solamente gli ultimi di una serie di personaggi di alto profilo deceduti in circostanze misteriose negli ultimi mesi. Non è la prima volta, infatti, che escono notizie di funzionari russi che muoiono in modo sospetto. Vladimir Putin è noto da tempo per adottare misure estreme per mettere a tacere i suoi oppositori. Usa Today aveva pubblicato nel 2017 un rapporto investigativo che descriveva in dettaglio almeno 38 oligarchi morti o scomparsi in un arco di tre anni. Nei primi mesi del 2022, almeno sei membri di spicco dell’alta borghesia russa sono stati trovati morti in condizioni a dir poco inconsuete. Ecco un elenco di tutti gli oligarchi russi (di cui siamo a conoscenza) che sono morti quest’anno.

Vladislav Avayev, ex vicepresidente di Gazprombank

Il 18 aprile, Vladislav Avayev, sua moglie e sua figlia sono stati trovati morti nel loro appartamento di Mosca. L’agenzia di stampa TASS ha riferito che le morti fossero il risultato di un omicidio-suicidio. Avayev, ex vicepresidente di Gazprombank (la terza banca russa più grande e il colosso energetico dei servizi Gazprom) è stato trovato nel suo appartamento multimilionario della capitale russa con in mano una pistola. Arma che presumibilmente è stata usata per uccidere sua moglie e sua figlia di 13 anni.

Sergey Protosenja, un episodio molto simile ad Avayev

Solo due giorni dopo, un altro russo di alto profilo è stato trovato morto in circostanze incredibilmente molto simili. Il corpo di Sergey Protosenya, un ex dirigente di Novatek (il più grande produttore indipendente di gas naturale russo) è stato trovato impiccato fuori dalla villa spagnola che lui e la sua famiglia stavano affittando. Sua moglie e la figlia di 18 anni sono state trovate accoltellate a morte nei loro letti, secondo la stazione di notizie spagnola Telecinco. Protosenya, 55 anni, aveva accumulato un patrimonio netto di oltre 433 milioni di dollari, secondo Telecinco. Un’indagine iniziale delle forze dell’ordine locali ha inizialmente mostrato che la morte della famiglia era il risultato di un omicidio-suicidio. Tuttavia gli investigatori non hanno escluso la possibilità che tutti e tre fossero stati assassinati.

Oligarchi russi morti: Vasily Melnikov

Il mese scorso, anche il miliardario russo Vasily Melnikov è stato trovato morto nel suo appartamento multimilionario nella città russa di Nizhny Novgorod insieme a sua moglie e due figli. Secondo il quotidiano russo Kommersant e riportato da Newsweek, tutti e tre i Melnikov sono morti per coltellate. Secondo Kommersant, le indagini della polizia hanno stabilito che l’oligarca abbia ucciso sua moglie e i suoi figli prima di suicidarsi. I vicini di casa di Melnikov hanno dichiarato che stentano a credere che lui sia responsabile dell’omicidio della sua famiglia. Prima della sua morte, Melnikov era un dirigente dell’azienda medica MedStom. La società ha sofferto immensamente a causa delle sanzioni economiche imposte alla Russia all’indomani dell’invasione dell’Ucraina da parte del paese, secondo il notiziario ucraino Glavred e riportato da Newsweek.

Michele Watford, impiccato in Inghilterra

Alla fine di febbraio, pochi giorni dopo che la Russia aveva ufficialmente invaso l’Ucraina, Mikhail Watford è stato trovato impiccato nel garage della sua casa nel Surrey, nel Regno Unito. Sua moglie e i suoi figli erano a casa in quel momento. Sebbene poi fossero rimasti illesi. Il russo di origine ucraina, 66 anni, ha guadagnato milioni come magnate del petrolio e del gas dopo la caduta dell’Unione Sovietica, secondo la BBC. Nato con il cognome Tolstosheya, Watford ha cambiato nome dopo essersi trasferito nel Regno Unito. La sua morte è sotto inchiesta dalla polizia del Surrey, che ha detto alla BBC all’inizio di marzo che “non si credeva che ci fossero circostanze sospette in quel momento”.

Aleksandr Tjuliakov

Il 25 febbraio, appena tre giorni prima della morte di Watford, l’ex dirigente della Gazprom Alexander Tyulyakov, 61 anni, è stato trovato impiccato nel garage del suo condominio vicino a San Pietroburgo, secondo il quotidiano russo Gazeta e riportato da Newsweek. La polizia ha detto a Gazeta di aver trovato un biglietto di suicidio accanto al suo corpo, il che ha portato gli investigatori a credere che sia morto suicida. Il suicidio di Tyulyakov è attualmente oggetto di indagine da parte di Gazprom, le cui unità di sicurezza sono arrivate sul posto con la polizia a febbraio, secondo Gazeta.

Oligarchi russi morti: Leonid Shulman

Come Tyulyakov, Leonid Shulman era un alto dirigente di Gazprom quando è stato trovato morto per apparente suicidio a gennaio. Prima che la Russia invadesse l’Ucraina. Allo stesso modo, Shulman, 60 anni, è stato trovato accanto a un biglietto che ha portato la polizia a credere che si sia suicidato, secondo la Gazeta e riportato da Newsweek. La morte di Shulman è avvenuta pochi mesi dopo l’apertura di un’indagine sulla sua presunta frode a Gazprom. Secondo una nota dell’Istituto di Varsavia, anche Gazprom sta attualmente indagando sulla morte di Shulman. “In tutti i casi, ci sono sospetti diffusi che le morti possano essere state inscenate come suicidi, ma chi è stato e perché?. Così Grzegorz Kuczyński, direttore del Programma Eurasia dell’Istituto di Varsavia, ha raccontato a Fortune della recente serie di morti che hanno coinvolto gli oligarchi.


Tag: OligarchiRussia