Guerra in Ucraina, allarme Oms per l’inverno. Zelensky: limitare uso corrente

Nel Paese sono previsti blackout almeno fino alla fine di marzo. Il presidente dell'Ucraina ha invitato i cittadini a limitare l'uso della corrente elettrica: "Il danno alla nostra energia dagli attacchi dei terroristi russi è significativo"

Ucraina, una protesta in Francia contro la guerra
Foto Pixabay | Hubert de Thé
newsby Jennifer Caspani22 Novembre 2022


Nel 272esimo giorno di guerra in Ucraina, al termine di un’altra giornata ad alta tensione intorno alla centrale di Zaporizhzhia, bombardata nel weekend, l’Organizzazione mondiale della sanità ha lanciato l’allarme freddo per l’inverno: “Sarà pericoloso per la vita di milioni di persone“. Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha invitato i cittadini a limitare l’uso della corrente elettrica, sottolineando che il “danno sistemico all’energia del Paese dagli attacchi dei terroristi russi è significativo“.

Bombardata la centrale di Zaporizhia, sfiorati i reattori

Intanto, Kiev e Mosca si rimpallano la responsabilità dei raid degli ultimi giorni che hanno quasi sfiorato i reattori della centrale di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa, accusandosi a vicenda di voler provocare un incidente nucleare.
Anche se non c’è stato un impatto diretto sui principali sistemi di sicurezza dell’impianto, le bombe si sono avvicinate pericolosamente. Stiamo parlando di metri, non di chilometri“, ha avvertito il direttore generale dell’agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) Rafael Grossi.
L’Agenzia ha valutato i danni alla centrale spiegando che “nonostante la gravità dei bombardamenti, le apparecchiature chiave non sono state danneggiate e non ci sono problemi immediati di sicurezza nucleare“.
Lo stato dei sei reattori è stabile e l’integrità del combustibile esaurito, del combustibile fresco e dei rifiuti radioattivi a bassa, media e alta attività nelle rispettive strutture di stoccaggio è stata confermata“. Ma i danni diffusi in tutto il sito sono “motivo di grande preoccupazione“, ha precisato Grossi.

Ucraina: previsti blackout almeno fino alla fine di marzo

L’esercito del Cremlino continua a prendere di mira le infrastrutture energetiche ucraine.
Sergey Kovalenko, a capo di Yasno, principale fornitore di energia privato per Kiev, ha annunciato che è molto probabile che gli ucraini dovranno convivere con i blackout almeno fino alla fine di marzo. “Lo scenario di base è che se non ci sono nuovi attacchi alla rete elettrica, nelle attuali condizioni di generazione di elettricità, il deficit di potenza potrebbe essere distribuito uniformemente in tutto il paese. Ciò significa che le interruzioni saranno ovunque ma meno durature. Ci sono anche diverse previsioni sullo sviluppo di questa situazione e dipendono completamente dagli attacchi della Russia“, ha aggiunto Kovalenko, spiegando che l’azienda sta accelerando i lavori per completare le riparazioni prima del calo drastico delle temperature.

Evacuazioni gratuite per gli abitanti di Kherson

Intanto, il Governo ucraino ha offerto agli abitanti di Kherson, la città ucraina recentemente liberata e in gran parte priva di elettricità e acqua corrente, evacuazioni gratuite verso regioni con infrastrutture migliori, e alloggi gratuiti. “Data la difficile situazione di sicurezza in città e i problemi infrastrutturali, è possibile evacuare per l’inverno in regioni più sicure del paese”, ha riferito il vice primo ministro, Iryna Vereshchuk.

Da Ue altri 2,5 miliardi di euro per l’Ucraina

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha annunciato che la “Commissione europea sta erogando ulteriori 2,5 miliardi di euro per l’Ucraina“. “Stiamo programmando 18 miliardi di euro per il 2023, con finanziamenti erogati regolarmente. Per riparazioni urgenti e ripristino rapido che portano a una ricostruzione di successo. Continueremo a sostenere l’Ucraina per tutto il tempo necessario“, ha riferito in un tweet.


Tag: Ucraina