Covid, la Lettonia è il primo Paese in Europa a tornare in lockdown

Lo stato baltico, una volta visto come una storia di successo del coronavirus, annuncia un mese di restrizioni incluso il coprifuoco. Ma una nuova ondata di contagi sta colpendo diversi Paesi dell'Est Europa

Lettonia, primo Paese Eu a tornare in lockdown a causa del covid
Foto Unsplash | Darya Tryfanava
newsby Giulia Martensini20 Ottobre 2021


La Lettonia ha annunciato un mese di lockdown per Covid-19 dopo un’impennata senza precedenti di infezioni. Diventando il primo Paese in Europa ad imporre restrizioni di vasta portata.

Il Paese baltico ha registrato infatti uno dei tassi più alti di nuovi casi di Covid rispetto alla popolazione nel mondo, dopo aver tenuto a bada con successo il virus per mesi. Nel frattempo una nuova ondata di casi sta colpendo diversi Paesi dell’Est Europa.

Lettonia, ancora basso il numero di vaccinati

Il nostro sistema sanitario è in pericolo. L’unico modo per uscire da questa crisi è farsi vaccinare“, ha detto il primo ministro, Krišjānis Kariņš, in una riunione d’emergenza del governo. Il premier ha sottolineato che il basso tasso di vaccinazione del Paese è la causa dell’aumento dei ricoveri ospedalieri.

Solo il 57% degli 1,9 milioni di lettoni è completamente vaccinato, ben al di sotto della media UE del 74%. Il governo ha imposto un coprifuoco notturno di un mese, dalle 20:00 alle 5:00 e ha chiuso le scuole e tutti i negozi non essenziali.

Devo scusarmi con i già vaccinati“, ha aggiunto Kariņš, aggiungendo che solo la produzione, la costruzione e i lavori critici essenziali potranno continuare di persona. La Lettonia è stata a lungo considerata una delle poche storie di successo del coronavirus in Europa, registrando meno di 3.000 morti per Covid dall’inizio della pandemia.

Ilze Viņķele, ex ministro della Sanità lettone, che ha supervisionato le prime due ondate di coronavirus del Paese, ha dichiarato: “Sapevamo che alcuni gruppi, in particolare i cittadini più anziani, nonché quelli provenienti da ambienti socioeconomici meno abbienti, erano scettici nel prendere il vaccino. Ma purtroppo non siamo stati in grado di affrontare questo divario in modo efficace”.

Viņķele ha aggiunto che la diffusione della vaccinazione in Lettonia varia geograficamente. Con alcune parti del Paese che registrano un tasso di vaccinazione inferiore al 25%.

Covid, nuova ondata di casi in Europa

L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che la scorsa settimana c’è stato un aumento del 7% dei nuovi casi di coronavirus in Europa. L’unica regione al mondo in cui i casi sono aumentati, secondo l’ente sanitario.

La pandemia ha colpito in particolare i Paesi meno vaccinati dell’Europa centrale e orientale, dove una larga fetta della popolazione non ha ancora avuto il vaccino e lo scetticismo sui vaccini è diffuso.

Il ministro della salute polacco, Adam Niedzielski, ha dichiarato che il Paese ha assistito a un’esplosione della pandemia e ha avvertito che la situazione del Covid sta “diventando molto grave“. Il numero giornaliero di casi in Polonia ha superato i 5.000 per la prima volta da maggio. Martedì, la Slovacchia ha riportato 3.480 nuovi casi di Covid-19, il più alto conteggio giornaliero dalla primavera.

La Bulgaria ha registrato il più alto tasso di mortalità per Covid dalla fine di marzo. Le autorità hanno reso obbligatori i passaporti dei vaccini per visitare palestre, musei, caffè e altri luoghi pubblici per fermare la diffusione del virus.

In Romania e Ucraina gli ospedali locali si sono trovati sotto forte pressione, con i due Paesi che hanno registrato numeri record di decessi per Covid in questo mese.

Russia, record di contagi

In Russia, che ha registrato decessi giornalieri record e ha un tasso di vaccinazione notevolmente inferiore a quello dell’UE, con solo un terzo della sua popolazione vaccinata, ieri è stata annunciata una nuova serie di restrizioni. A Mosca, ai cittadini non vaccinati di età superiore ai 60 anni è stato ordinato di rimanere a casa per quattro mesi e in diverse regioni sono stati introdotti passaporti vaccinali.

La Russia ha finora rifiutato un blocco nazionale, citando preoccupazioni economiche, con ristoranti, bar e teatri della capitale che rimangono aperti. Invece, Mosca ha annunciato martedì l’intenzione di reintrodurre il lavoro a distanza e le vaccinazioni obbligatorie per i lavoratori dei servizi per rallentare la quarta ondata di coronavirus. “Invito i cittadini a vaccinarsi attivamente. Stiamo parlando della tua salute qui“, ha detto Putin durante un incontro con i funzionari.

 


Tag: CovidEuropaLettoniaLockdown