Il piano dell’Australia per aiutare
i rifugiati afghani con il calcio

Un progetto che punta ad aiutare i rifugiati a insediarsi nel nuovo Paese, dimenticando per un momento l'angoscia della guerra

l'australia aiuta i rifugiati afgani con il calcio
Foto Unsplash | Mick Haupt
newsby Giulia Martensini23 Settembre 2021


Il calcio per dimenticare l’angoscia della guerra e tornare a sorridere.
Questo il progetto di Hussain Ramazani, un uomo hazara che è arrivato da rifugiato in Australia nel 2010. Hussain era stato costretto a fuggire dal suo Paese a causa delle persecuzioni dei talebani.

In Australia, Hussain ha dovuto fare i conti con il suo status incerto di rifugiato, rimanendo bloccato per diversi mesi in un centro di detenzione. Lì, ha iniziato a organizzare piccole competizioni sportive. Una piccola distrazione, un momento di gioco, per tutti quelli come lui che ancora, non sapevano cosa ne sarebbe stato del loro futuro. “All’interno del centro di detenzione, troppe persone avevano problemi mentali, quindi ho organizzato il calcio per dar loro da fare“, ha detto.

Un’idea semplice ma capace di regalare un sorriso, almeno per qualche ora.

Il calcio come strumento di connessione

Il successo di quelle piccole gare ha insegnato a Ramazani una preziosa lezione sul potere di connettersi attraverso lo sport.

Quando il suo status di rifugiato è stato approvato 20 mesi dopo, ha immediatamente iniziato a utilizzare il calcio come strumento per aiutare la comunità afghana a Sydney.

Sono qui a Sydney e lavoro con la comunità per sviluppare il calcio tra la comunità afgana, in particolare il popolo Hazara“, ha detto.
Negli ultimi nove anni, Ramazani si è dedicato all’Australian AFG Football Association. Non ha uno status ufficiale ma fornisce un ruolo significativo nell’aiutare i migranti afghani ad essere promossi all’interno della loro comunità. L’evento di punta è il loro torneo nazionale annuale, in cui squadre come “Hazara All Stars”, “Ghan Adelaide” e “Afghan Premiers” competono per gli onori contro i loro parenti. Questo è stato un enorme successo aiutare i migranti afghani, molti dei quali sono rifugiati, ad adattarsi a un nuovo Paese, la loro nuova casa.

Il piano del governo australiano per aiutare i rifugiati afgani

Quando Akbari ha appreso che Football Australia sta lavorando con il governo federale per aiutare a reinsediare migliaia di rifugiati afghani in arrivo nelle squadre di calcio, la sua eccitazione è stata percepibile.“È semplicemente incredibile. Molte persone, non sanno nemmeno cosa significa giocare per un club di calcio in Afghanistan”.

Il governo australiano sta facilitando l’arrivo di almeno 3000 afgani in fuga dai talebani, inclusa la squadra nazionale femminile dell’Afghanistan. Sono già stati presi accordi per aiutare quei giocatori, assieme a migliaia di altri per far parte delle squadre di calcio locali. Un modo unico per facilitare la loro integrazione nel nuovo Paese.

Il calcio è il primo amore dell’Afghanistan. É uno sport diversificato, multiculturale e inclusivo. Questo lo mette in una posizione unica per aiutare i nostri nuovi australiani a ristabilire un senso di comunità” ha detto il capo di Football Australia James Johnson.

La partnership inizierà con il flusso di arrivi afghani in fuga dal dominio talebano dopo la caduta di Kabul. Se il piano di insediamento del calcio avrà successo, sarà implementato per tutti i nuovi rifugiati in arrivo in Australia.

Per quegli afghani qui in Australia, il calcio da solo non cancellerà il dolore di ciò che sta accadendo nella loro patria. Ma può svolgere un ruolo importantissimo per aiutare coloro che stanno scappando.
Sottolineando ancora una volta come lo sport sia non solo maestro di vita ma anche uno strumento capace di unire i popoli.

 

 


Tag: AfghanistanAustraliaCalciorifugiati afghani