L’autobus elettrico adatto alla post-pandemia

La startup inglese Arrival ha ideato un autobus elettrico in grado di assicurare il distanziamento sociale e un ambiente igienicamente sicuro

Arrival, autobus elettrico
Arrival, autobus elettrico @ufficiostampa
newsby Emiliano Ragoni19 Giugno 2020


Arrival, la startup inglese specializzata in furgoni elettrici, vuole sfruttare la crisi causata dal COVID-19 per creare un ecosistema integrato di trasporto pubblico sostenibile, comprensivo di diversi mezzi e in grado di assicurare il distanziamento sociale. Come sappiamo infatti dopo il lockdown e la ripresa delle attività lavorative le persone sono restie a prendere mezzi pubblici perché temono il rischio di contagio. Il primo esempio concreto di questo nuovo paradigma ideato da Arrival è un inedito autobus elettrico progettato in maniera specifica su spazio, pulizia e benessere, quindi con un focus particolare su igiene e spazio dedicato ai passeggeri idoneo per garantire il distanziamento sociale. Attualmente non sappiamo quando arriverà questo nuovo autobus elettrico, tuttavia dai rendering diffusi dalla stessa compagnia inglese è possibile farsi un’idea su come sarà.

Arrival, autobus elettrico
Arrival, autobus elettrico @ufficiostampa

Spazio modulare

Gli interni del nuovo autobus della Arrival saranno modulari consentendo così la possibilità di adottare diverse configurazioni. Sarà possibile variare le file dei posti a sedere per i passeggeri, scegliendo tra un posto singolo per area, o, in alternativa, tra due file opportunamente distanziate, anche con l’inserimento di barriere fisiche.

Oltre all’idea di rendere più sicuro il trasporto pubblico, la Arrival all’interno del suo autobus ha pensato bene di adottare un look più elegante e digitalizzato, con display interni ed esterni luminosi e di facile lettura che informano i passeggeri sul percorso e sulle prossime fermate.

Arrival: da startup a futura azienda solida?

Come gli altri veicoli appartenenti alla famiglia Arrival, gli autobus sono destinati ad essere costruiti in micro-fabbriche locali dove verranno utilizzati. La startup inglese prevede di costruire 1.000 microfabbriche in tutto il mondo entro il 2026 e afferma di aver sviluppato una tecnologia di produzione sostenibile.

Nonostante la Arrival sia ancora una startup, a gennaio ha ricevuto un investimento di 100 milioni di euro da Hyundai e dalla Kia e ha inoltre firmato un accordo per la consegna di 10mila furgoni elettrici a UPS.


Tag: ArrivalNew Mobility