Folletto, la ricetta per il dopo-Covid

L’azienda del celebre aspirapolvere è ripartita, nel rispetto delle misure sanitarie, per rispondere alla forte richiesta di soluzioni per pulire e igienizzare la casa

newsby Redazione28 Maggio 2020


Folletto, la divisione di Vorwerk Italia che commercializza con la vendita porta a porta il celebre aspirapolvere, è ripartita dopo il lockdown con nuove strategie che mettono al centro i bisogni dei consumatori post-Covid: la crescente richiesta di soluzioni per pulire e igienizzare a fondo l’ambiente domestico, dove gli italiani passano più tempo, e il desiderio di fare acquisti in sicurezza, senza rischio di assembramenti, ma anche senza rinunciare all’esperienza del prodotto e al rapporto con la persona che lo illustra e lo vende.

«Nella fase 2 valorizziamo quelli che da sempre sono i nostri punti di forza: prodotti di alta qualità, innovativi e sempre al passo con le richieste del mercato e rapporto diretto con l’Agente Folletto –commenta il direttore commerciale dell’azienda Fabio Leoni–. Ovviamente decliniamo quest’ultimo punto in modo nuovo. Prima di tutto, nel rigoroso rispetto delle misure sanitarie, a tutela della salute dei nostri clienti e dei nostri venditori: le dimostrazioni nelle case si svolgono con mascherine, guanti monouso, sovrascarpe, igienizzante mani e rispetto delle distanze, secondo un protocollo su cui tutti i venditori sono stati formati».

Le nuove tecniche di vendita

 

Alle “vendite in mascherina” i clienti hanno risposto con fiducia: nella prima settimana di ripartenza Folletto ha organizzato oltre 12.000 dimostrazioni e realizzato oltre 14.000 vendite. Moltissime anche le richieste per fissare incontri nelle prossime settimane. E se i clienti dovessero preferire mantenere l’isolamento, i venditori hanno la possibilità di realizzare video-dimostrazioni in diretta, da remoto, per garantire comunque un servizio personalizzato e rispondere in tempo reale a domande e dubbi.

«Sono proprio i nostri 4.000 incaricati le figure centrali della ripartenza di Folletto –sottolinea Fabio Leoni–. Durante il lockdown, il nostro obiettivo è stato quello di non lasciarli soli, di non perdere nemmeno un venditore. Per questo abbiamo messo in campo 4 milioni di euro per sostenerli economicamente negli oltre due mesi di fermo attività, oltre a seguirli con formazione a distanza, tool digitali per tenere i contatti con la clientela da remoto e strumenti di marketing per creare occasioni di vendita in vista della ripartenza».

 

Recruitment e nuove modalità d’inserimento

 

Una centralità del venditore riconfermata dai piani di Folletto per il recruitment nei prossimi mesi. «Le nostre porte sono sempre aperte e riteniamo che le opportunità di lavoro che offriamo possano essere molto interessanti nel post-Covid –afferma il direttore commerciale di Folletto–. Non appena sarà possibile, riprenderemo i colloqui di lavoro e partiremo con nuove modalità di inserimento che integreranno attività sul campo e a distanza. Il nostro obiettivo è formare professionisti della vendita, specializzati nella consulenza per l’igiene e la pulizia della casa, che svilupperanno competenze altamente ricercate dal mercato: capacità relazionali e mentalità orientata a lavorare per obiettivi, con una forte componente di imprenditorialità».

L’azienda Folletto

Vorwerk Italia – Divisione Folletto – Presente in Italia dal 1938, da oltre 80 anni la Vorwerk è sinonimo di cura della casa per milioni di famiglie italiane. Il famoso sistema di pulizia per la casa Folletto viene distribuito esclusivamente tramite il canale di vendita porta a porta: 4.000 agenti contattano ogni anno più di due milioni e mezzo di famiglie, che possono contare su una rete di assistenza di oltre 400 centri assistenza autorizzati e 45 Vorwerk Point. La vendita al domicilio del cliente consente di proporre e consigliare la soluzione più adatta alle specifiche esigenze: una filosofia, questa, che dimostra come l’attenzione di Folletto si concentri sui bisogni della famiglia


Tag: AziendeCoronavirus