Come la pandemia ha cambiato le nostre abitudini sessuali

C'è stato un forte calo negli incontri una tantum, affermano i ricercatori, ma sempre più persone si godono le avventure con gli amici, cercando nuove idee per sperimentare a letto

Come la pandemia ha cambiato le nostre abitudini sessuali
Foto Pixabay
newsby Giulia Martensini1 Febbraio 2022


Che la pandemia abbia stravolto ogni cosa, ormai non ci sono dubbi. I lockdown, il distanziamento e la paura del contagio hanno spinto ( e continuano a spingere) le persone a rimanere separate l’una dall’altra. Con il risultato che stiamo assistendo a un progressivo distanziamento sessuale. Ma non solo. Oltre a spingerci a fare meno sesso, il Covid ha anche modificato alcuni nostri comportamenti, spingendoci a intraprendere nuove soluzioni per arrivare all’orgasmo (possibilmente) senza contagio.

Abbiamo davvero smesso di fare sesso?

Ogni decennio dal 1990, il Regno Unito ha condotto un’indagine nazionale dettagliata sugli atteggiamenti e gli stili di vita sessuali (Natsal). Nel 2020-21 questo è stato sostituito dal più piccolo studio Natsal-Covid, che ha dipinto un quadro complicato.

Tra coloro che hanno rapporti di convivenza, il 78% ha visto un cambiamento nella propria vita sessuale, di solito in peggio. Uno su 10 ha riferito di difficoltà sessuali iniziate o peggiorate durante il blocco. Anche se il 63% ha riferito di qualche attività sessuale, il 75% di coloro che l’hanno fatto aveva già una relazione di convivenza. I tempi sono stati inevitabilmente ancora più magri per le coppie che non vivevano insieme. Per quanto riguarda le persone che non avevano una relazione, i mesi di lockdown sono stati una catastrofe. Solo una donna su 30 e un uomo su 10 hanno avuto un nuovo partner sessuale.

Gli effetti del distanziamento sociale

Il sesso sterilizzato è una contraddizione in termini. Non è ragionevole o possibile essere intimi con qualcuno pur mantenendo intatte le barriere contro i germi. E dopo 18 mesi di tentativi di mantenerci fisicamente separati, è abbastanza difficile smettere di vedere la vicinanza come una minaccia. Da qui il distanziamento sessuale. Ma il Covid c’entra fino a un certo punto.

Abbiamo dimenticato cosa significa essere intimi. Non siamo più abituati a comunicare, a interagire soprattutto con estranei. Tanto che 1 single su 4 si sente “fuori pratica” dopo così tanto distanziamento sociale. Senza un’intimità sociale casuale, c’è meno slancio per iniziare l’intimità fisica; perdiamo la fiducia nel nostro corpo, il che ci rende più timidi.

Il boom di sex toys in pandemia

E poi, dove incontrarsi? Locali, discoteche e bar sono stati a lungo fuori portata (green pass o meno), trasformando anche gli incontri più semplici in una vera impresa. Con il risultato che l’avventura di una notte è stata sostituita da incontri che possono essere ancora casuali, ma non sono una tantum totale, come l’amicizia di letto. Oppure si è preferito ripiegare su un sostituto che (siamo sicuri) non rischia di contagiarci: il sex toy.
Se stai realizzando giocattoli sessuali, devi capire come le persone li usano e come fanno sesso, perché questo determina ciò che le persone compreranno“, ha detto Julia Margo. È una delle fondatrici di Hot Octopuss, un’azienda di giocattoli sessuali di lusso.

All’inizio della pandemia “si potrebbe tracciare la diffusione dei lockdown in base agli acquisti in tutto il mondo. Una volta che gli Stati Uniti sono entrati in blocco, abbiamo assistito a vendite pazze, e si trattava principalmente di ausili per la masturbazione“.

“Questo era nel 2020; quando siamo entrati in estate, le persone hanno iniziato a comprare giocattoli per coppie, poi, quando siamo entrati nel 2021, le persone hanno avuto la tendenza all’interattivo; cose che potresti controllare da un’app e utilizzare con un partner a lunga distanza. Le persone si stavano sforzando di mantenere viva l’intimità, di fronte a barriere irrimediabilmente insormontabili. “Era simile a quello che vedevi con le piattaforme di comunicazione al lavoro: prima le persone creavano i loro uffici domestici, poi c’è stato Zoom“, ha detto.

Meno sesso, più sperimentazione

Le regole del lockdown hanno agito da acceleratore, costringendo a scegliere tra non vedersi mai e andare a vivere insieme. Trasformando il carpe diem dell’amore in una sorte di ultimatum.
Al tempo stesso, poiché siamo stati costretti a una maggiore intimità, siamo diventati più aperti a nuove esperienze.Indiscutibilmente, le persone sono diventate più sperimentali nei loro interessi, formando più relazioni esclusive e diventando più avventurose all’interno di quella relazione“, ha affermato Margo.

Per le persone che sono state sessualmente attive durante la pandemia, c’è stata una costellazione di effetti. Molti hanno avuto più tempo per esplorare desideri latenti. Il sesso ha offerto conforto in mezzo alle ansie esterne. C’è stato più carico sulle vite sessuali poiché altre identità sociali sono state ridotte. In definitiva, se il contatto fisico sarà irto di pericoli, il sesso deve essere buono. Non vuoi sprecarlo in un’avventura di una notte.

Il sondaggio Relate/eHarmony ha rilevato che il 39% delle persone single è uscito dalla pandemia cercando di incontrare “quello giusto“, mentre il 24% non voleva “perdere altro tempo”. A controbilanciare quella determinazione e certezza, tuttavia, c’era un senso di insicurezza, con il 25% che si sentiva “fuori allenamento” e il 13% “non pronto per essere intimo” dopo così tanti mesi di distanziamento sociale.

C’è una teoria secondo cui un declino negli incontri sessuali casuali potrebbe indicare una nuova era di inibizione o moralizzazione sessuale, ma sembra che sia vero il contrario. Potrebbe essere proprio perché le persone sono meno inibite che, anche se non vogliono una relazione tradizionale e monogama, vogliono l’intimità e la profondità necessarie per sperimentare.

 

 

 


Tag: pandemiasesso