Ristrutturazione casa: tutti i bonus confermati nel 2022

L'impegno del governo nel destinare ingenti somme per le proroghe dei bonus per la ristrutturazione ha due ragioni principali: favorire lo svecchiamento del parco edilizio del paese e conseguire gli obiettivi di riduzione dell'impatto ambientale entro il 2030

Bonus Ristrutturazione casa
Foto | Unsplash
newsby Redazione7 Marzo 2022


La ristrutturazione casa è diventata un tema molto discusso negli ultimi tempi a causa dell’attivazione di agevolazioni fiscali che permettono di ricevere importanti sconti sugli interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria e di efficientamento energetico degli edifici.

L’impegno del governo nel destinare ingenti somme per le proroghe dei bonus per la ristrutturazione ha due ragioni principali: favorire lo svecchiamento del parco edilizio del paese, che ha il 65% di edifici costruiti prima del 1976, e conseguire gli obiettivi di riduzione dell’impatto ambientale che entro il 2030 dovrebbe far registrare un -40% di produzione di gas serra. Dal 2030 le nuove costruzioni dovranno essere a zero emissioni, ma prima di questa data è fondamentale agire in maniera incisiva su ciò che già è stato costruito, unendo miglioramento dell’efficienza energetica e attenzione ad evitare gli sprechi.

I bonus confermati nel 2022 spingono quindi in questa direzione e propongono ai contribuenti agevolazioni vantaggiose per diversi interventi.

Vediamo insieme nel dettaglio le tipologie di bonus prorogati e le modalità di accesso agli stessi, evidenziando le novità e le scadenze.

Superbonus 110%

Il cosiddetto Superbonus 110% permette di recuperare gran parte dell’intervento di ristrutturazione e di cederlo a terzi ricevendo lo sconto in maniera immediata e non obbligatoriamente come rimborso Irpef, come accade in genere per altri bonus edilizi. Nella legge di bilancio 2022 è stata fissata la proroga del bonus fino al 2025, con alcune novità e differenze in base alla tipologia di ristrutturazione da realizzare. Restano invariate le tipologie di intervento, che devono avere come obiettivo l’efficientamento energetico dell’edificio, con interventi trainanti quali l’installazione di impianti fotovoltaici, il cappotto termico, l’installazione di pompe di calore e di strutture di ricarica per impianti elettrici. Cambiano invece i termini in base all’edificio oggetto dell’intervento:

  • Case unifamiliari: scadenza bonus il 31 dicembre 2022. Per ottenerlo bisognerà aver completato il 30% dei lavori progettati a giugno 2022;
  • Condomìni: prorogato fino al 31 dicembre 2025, ma la percentuale di sconto scende al 70% nel 2024 e al 65% nel 2025.
  • Nelle zone colpite dal terremoto, a partire da L’Aquila, il Superbonus è prorogato fino al 2025 mantenendo la percentuale del 110%

Ecobonus

Nella Manovra 2022 è stato prorogato anche l’Ecobonus, fino al 2024. Questa misura consente di richiedere una detrazione dal 50% al 65% per tutti gli interventi di efficientamento energetico che non rientrano nel Superbonus 110%. Obiettivo dell’agevolazione è favorire l’efficientamento degli edifici, secondo quanto stabilito nel PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Per progettare una ristrutturazione della casa che sia in linea con quanto indicato nei bonus e che tenga conto di ogni esigenza, è importante affidarsi ad aziende specializzate, in grado di offrire un valido sostegno anche nell’elaborazione della documentazione necessaria ad ottenere l’agevolazione. Bassetti Home Innovation propone soluzioni chiavi in mano pensate per supportare il cliente in ogni fase del progetto, affiancati da professionisti selezionati. I servizi offerti riguardano sia gli interventi veri e propri che la parte burocratica dei lavori.

Bonus Ristrutturazioni

Tra i bonus edilizi riconfermati nel 2022 c’è poi il Bonus Ristrutturazioni, nel quale rientrano anche il Bonus Facciate e il Bonus Condizionatori. L’agevolazione prevista è del 50% su un tetto massimo di 96.000 euro per tutti i lavori che rientrano nella manutenzione ordinaria, nel restauro conservativo e nella ristrutturazione, che non sono inseriti nel Superbonus. Per il Bonus Facciate la percentuale di sconto sale al 60%. Per questa agevolazione è stata introdotta la possibilità di richiedere l’agevolazione con la cessione del credito o lo sconto in fattura.


Tag: bonusCasa