Gli italiani adorano Google e Amazon. Lo svela Altroconsumo

L’associazione ha portato avanti un’indagine in cui ha chiesto agli intervistati di esprimere il loro gradimento nei confronti di varie multinazionali, assegnando un voto compreso tra 1 e 10

google licenzierà i dipendenti che non si vaccinano
Foto Unsplash by Pawel Czerwinski
newsby Alessandro Bolzani11 Ottobre 2021


Ottenere la fiducia dei consumatori non è un’impresa facile ma Amazon e Google ci sono riuscite. Le due aziende sono risultate le più apprezzate dagli italiani in un’indagine organizzata da Altroconsumo in collaborazione con le organizzazioni di consumatori partner di Euroconsumers – Ocu in Spagna, Test-Achats in Belgio e DecoProteste in Portogallo.

I risultati dell’indagine di Altroconsumo

Per svolgere l’indagine, Altroconsumo ha chiesto agli intervistati di esprimere il loro gradimento nei confronti di varie multinazionali, assegnando un voto compreso tra 1 e 10. Amazon e Google hanno ottenuto entrambi una media di 7,3, guadagnando la prima posizione della classifica. Seguono Ikea e Decathlon, entrambe con 6,8, e Apple, con 6,4. Insufficienza per Facebook, che si ferma a 5,6. Risultati negativi anche per i principali provider di telefonia e connessione: nessuno di loro ha raggiunto la sufficienza. Il punteggio più alto è quello di Tim (5,9), seguita da Vodafone e Wind (5,4). Fastweb è risultato il provider meno amato dagli italiani, con 5,3. Chiude la classifica l’azienda AstraZeneca, con un disastroso 5 (ben un voto in meno di Pfizer).

Gli italiani si fidano poco delle istituzioni

I dati raccolti da Altroconsumo indicano anche una generale sfiducia nei confronti delle istituzioni. Solo il Servizio Sanitario Nazionale, la Polizia, le Forze armate e le Organizzazioni dei consumatori son riuscite a strappare la sufficienza. Bocciate, invece, le Nazioni Unite (5), l’Oms (5,3), la Chiesa (4,9) e il Parlamento europeo (5). Quest’ultimo, tuttavia, ha migliorato la propria posizione rispetto al 2016, quando il dato era pari a 3,8. Il voto più basso è quello assegnato al Sistema Giudiziario italiano: 4,4 su 10. I risultati indicano che minore è la conoscenza di un’istituzione e più bassa è la fiducia riposta nei suoi confronti. Per fare un esempio, il 73% dei partecipanti ha dichiarato di ignorare le attività svolte dall’Oms. Inoltre, solo il 15% del campione ha dimostrato una buona conoscenza del funzionamento del Sistema Giudiziario italiano.

L’importanza dell’indagine

La fiducia dei consumatori e dei cittadini è più importante che mai, ora che abbiamo un’opportunità unica di ricostruire la nostra economia in modo più sostenibile e responsabile dopo la pandemia del Covid-19”. A spiegarlo è Federico Cavallo, il responsabile delle relazioni esterne di Altroconsumo. “Per farlo, però, è necessario partire dal conoscere e comprendere le opinioni che le persone hanno dei principali protagonisti, istituzioni e aziende, e le ragioni che le originano nel bene e nel male. Ecco perché Altroconsumo, insieme ai suoi partner europei, ha chiesto alle persone il loro giudizio, per dare un contributo al dialogo e all’azione di stimolo che da sempre portiamo avanti nei confronti di mercato e istituzioni. Crediamo che fare i conti con questi risultati, attesi o non, soddisfacenti e non, sia un passo fondamentale per tutti se vogliamo costruire consapevolezza e responsabilità condivisa, indispensabile per affrontare le riforme e le transizioni epocali in corso, ambientale e digitale in primis“, ha concluso Cavallo.


Tag: AltroconsumoAmazonGoogle