Black Friday, shopping online sì o no? L’opinione delle esperte

Rossana e Giulia a confronto: è etico prediligere gli acquisti online al posto di quelli nei negozi fisici?

newsby Redazione26 Novembre 2021



“Se io fossi costretta ad acquistare qualcosa online, forse comprerei delle piante. Oppure dei semi di alberi da piantare”. “Il mio prossimo acquisto sarà sicuramente abbigliamento e qualche regalo di Natale”. Giulia e Rossana sono agli antipodi riguardo al tema del Black Friday. Le loro opinioni in merito, infatti, divergono completamente. Se Giulia non comprerà sicuramente niente oggi, al contrario Rossana approfitterà indubbiamente degli sconti.

Black Friday: l’opinione contraria di Giulia

Giulia afferma che l’unico acquisto che abbia fatto online fossero dei coperchi in silicone per conservare il cibo in frigo. E sul tema che riguarda il Black Friday esprime così il proprio parere. “Io penso che non bisognerebbe incentivare gli acquisti online principalmente per un impatto ambientale. Il 15% di tutta la plastica prodotta nel mondo riguarda soltanto gli acquisti effettuali via e-commerce. Un consumatore online ha un impatto circa due volte maggiore rispetto a un acquirente che si vede nel negozio fisico. E addirittura tre volte se sceglie l’opzione di “Consegna rapida” (entro le 24 ore). Poi c’è la questione del packaging. Quello che ci arriva sugli acquisti online è multimateriale e inquina più o meno dieci volte di più rispetto a un singolo sacchetto di plastica che ci viene fornito dai negozi e soltanto il 15% di tutto questo packaging viene effettivamente riciclato. Andando quindi ad aumentare l’impatto ambientale e a inquinare ulteriormente il nostro ambiente. Legata all’abbigliamento, poi, c’è la questione dei resi: i viaggi di consegna tendenzialmente raddoppiano in questo settore (60% di resi nei vestiti).

Le ragioni di Rossana sui tanti acquisti online effettuati

“Ho un’abitudine e una necessità di acquistare online per diverse ragioni”, dichiara Rossana. Innanzitutto per una mancanza di tempo: trovo davvero difficoltà a trovare il tempo necessario per andare nei negozi per trovare quello che cerco, abitando anche in una grande città. Molto spesso, poi, per quanto riguarda eventuali regali per le diverse ricorrenze, trovo molto utile e comodo potere fare arrivare direttamente i miei regali ai miei familiari, che abitano a 900 chilometri di distanza. Qualora avessi anche il tempo necessario, preferirei trascorrerlo in altro modo piuttosto che fare file nei negozi o stare in mezzo alla folla”. Si avvicina il Natale. Rossana farà sicuramente molto regali online, ma: “Non nascondo che, per i regali più intimi e stretti, mi piace andare in giro per negozi e quindi scegliere accuratamente il regalo. In quel caso non la vedo come una perdita di tempo, ma è anzi dedicare del tempo a qualcuno”.

I consigli per inquinare meno, anche effettuando acquisti online

Nella giornata del Black Friday, Giulia ci fornisce alcuni suggerimenti utili per cercare di inquinare di meno, pur comprando via internet. “Ci sono diversi trucchi che possiamo utilizzare per cercare di limitare il nostro impatto sull’ambiente, anche acquistando online. Limitare il più possibile il reso degli oggetti acquistati. Possiamo poi effettuare degli acquisti comunitari: quindi metterci d’accordo con amici o vicini di casa per fare un’unica richiesta ed evitare molti più viaggi. E, per lo stesso concetto, possiamo scegliere di farci pervenire l’oggetto acquistato presso dei punti di ritiro specifici nelle città e non farceli arrivare direttamente a casa”. Tuttavia Giulia comprende “che un acquisto online possa essere utile. Il punto è la differenza tra acquistare qualcosa che ci serve davvero o acquistare qualcosa che in realtà non è essenziale per noi ma scegliere comunque di acquistarlo, ignorando il legame su tutto l’impatto ambientale”.


Tag: Black Friday