È salva la biblioteca dei tesori perduti di Jane Austen ed Emily Brontë

La biblioteca di Honresfield, compresi i manoscritti delle sorelle Brontë e di Jane Austen, aveva rischiato di cadere in mani private

Foto Skitterphoto
Newsby Linda Pedraglio 17 Dicembre 2021

Da una lettera in cui Jane Austen anticipa la fine di una storia d’amore, a un manoscritto delle poesie di Emily Brontë che un tempo si credeva perduto. La biblioteca di Honresfield è un tesoro unico nel Regno Unito. Grazie a un ente di beneficenza che ha raccolto più di 15 milioni di sterline in cinque mesi, questo straordinario tesoro è salvo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da newsby.it (@newsby.it)

La biblioteca dei tesori perduti è salva

Assemblata verso la fine del XIX secolo da William Law, proprietario di un mulino a Rochdale, la biblioteca di Honresfeld è stata quasi del tutto inaccessibile fino al 1939. All’inizio di quest’anno, i tesori che custodisce sono stati messi all’asta da Sotheby’s, con orrore delle istituzioni letterarie di tutto il paese, che temevano per i preziosi manoscritti delle sorelle Brontë, di Jane Austen, Walter Scott e Robert Burns. Guidato dall’organizzazione benefica Friends of the National Libraries (FNL), un consorzio di biblioteche e musei si è unito per salvare la collezione. Essa comprende più di 500 manoscritti, prime edizioni e lettere.

Chi si nasconde dietro la donazione

Mentre si raccoglievano i fondi, i  venditori e Sotheby’s hanno deciso di posticipare la vendita. Metà dell’importo raccolto proviene da una donazione del filantropo Sir Leonard Blavatnik, noto proprietario di DAZN. Mentre altri 4 milioni di sterline giungono direttamente dal National Heritage Memorial Fund (NHMF). Il resto è stato raccolto attraverso donazioni di musei, biblioteche e fondazioni. Oltre a migliaia di donazioni individuali, che hanno raccolto poco meno di 150.000 sterline da persone di tutto il mondo.

La FNL  ha ringraziato il magnate inglese per la sua “eccezionale munificenza” e ha affermato che “in riconoscimento della sua grande generosità la collezione d’ora in poi sarà conosciuta come la biblioteca Blavatnik Honresfield“. La donazione di Blavatnik è la più grande mai data da un individuo al Regno Unito per un tesoro letterario. Mentre i 4 milioni di sterline dati dal NHMF sono la più grande mai assegnata per l’acquisizione di manoscritti letterari. L’FNL ha raccolto 15,3 milioni di sterline in totale, di cui il prezzo di acquisto è di 15 milioni di sterline e il resto una combinazione di IVA e commissioni.

Greig: “Come aprire una tomba egizia”

C’è stato un interesse pubblico senza precedenti per questa raccolta di manoscritti e libri nascosti per quasi un secolo. “Salvarlo è sembrato un po’ come aprire una tomba egizia per vedere per la prima volta testi antichi e tesori che ora sono salvati per sempre per studenti, studiosi e amanti dei libri“. Lo ha detto Geordie Greig, presidente del FNL ed ex direttore del Mail giornaliera. “La generosità di tutti i donatori è stata incredibile nel salvare questa biblioteca unica“.

 

 

Impostazioni privacy