Firenze, al via la mostra ‘La mirabile visione’ dedicata a Dante

Il curatore Carlo Sisi: "Dante ha ispirato tutta l'arte dal simbolismo in poi"

Newsby Emanuele De Lucia 22 Settembre 2021

Al museo del Bargello di Firenze è stata inaugurata la mostra “La mirabile visione. Dante e la Commedia nell’immaginario simbolista“. Una mostra omaggio al Sommo poeta in occasione dei 700 anni dalla morte.

A parlare della mostra il curatore Carlo Sisi. “La mostra si sviluppa secondo una linea che coglie un aspetto di un Dante simbolista, guardato con gli occhi di una modernità che chiamava in causa gli estetismi dei pre-raffaelliti, le inquietudini della cultura decadente. Il titolo richiama un’opera di Giovanni Pascoli“.

La mostra in occasione dei 700 anni dalla morte di Dante

La direttrice del museo del Bargello, Paola D’Agostino ha sottolineato il legame tra il poeta e il Museo. “È la seconda mostra organizzata dai musei del Bargello in occasione delle celebrazioni dantesche. Parte da qui dove è avvenuto il ritrovamento di quel ritratto di Dante realizzato da Giotto, riscoperto nel 1840″ ha sottolineato. “Segna anche il cambio di fortuna del Bargello, che da carcere diventa primo museo nazionale del regno d’Italia durante Firenze capitale. Questa mostra racconta la straordinaria fortuna che Dante ebbe nella seconda metà dell’Ottocento“.

Tra gli intervenuti anche Maria Ida Gaeta, segretario generale del Comitato nazionale per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte del sommo poeta. “Il Bargello è il luogo dove è stato deciso l’esilio di Dante. La mostra che si inaugura oggi ci fa capire quanta ispirazione nell’immaginario artistico dal simbolismo in poi ha dato Dante e tutta la sua opera” ha commentato Gaeta.

 

Impostazioni privacy