Scoperta fortezza romana edificata da Caligola nei pressi di Amsterdam

Gli archeologi hanno trovato le tracce di un'antichissima fortezza romana edificata per volere di Caligola nei pressi di Amsterdam

Scoperta fortezza romana vicino ad Amsterdam
Design Graham Sumner. From Jona Lendering & Arjen Bosman, Edge of Empire (2012 Rotterdam).
newsby Linda Pedraglio27 Dicembre 2021


Sulla costa olandese è stato scoperto un grande forte romano che si ritiene abbia giocato un ruolo chiave nella riuscita invasione della Gran Bretagna nel 43 d.C. All’epoca di Caligola, una legione romana di diverse migliaia di soldati pronti alla battaglia era di stanza a Velsen, a 20 miglia da Amsterdam, sulle rive dell’Oer-IJ, un affluente del Reno. Secondo l’archeologo Arjen Bosman, le prove suggeriscono che Velsen sia stata la fortezza più settentrionale dell’impero. Fu costruita per tenere a bada una tribù germanica, conosciuta come Cauci. A decidere la costruzione di questo antichissimo accampamento romano fu l’imperatore Caligola nel tentativo di conquistare la Britannia nel 40 d.C. La missione avrà tuttavia successo soltanto con il suo successore, Claudio, circa tre anni dopo.

Scoperta fortezza romana vicino ad Amsterdam

Sappiamo per certo che Caligola era nei Paesi Bassi poiché ci sono segni su botti di legno di vino con le iniziali dell’imperatore bruciate, suggerendo che provenissero dalla corte imperiale“, ha spiegato Bosman. “Caligola stava organizzando i preparativi per invadere l’Inghilterra e rimanere lì. Non riuscì a finire il lavoro poiché fu ucciso nel 41 d.C. e Claudio riprese da dove aveva lasciato nel 43 d.C.“, ha proseguito. Abbiamo trovato assi di legno sotto la torre di guardia, o il cancello del forte, e questa è la fase appena prima dell’invasione dell’Inghilterra. La tavola di legno è stata datata nell’inverno del 42/43. È una scoperta sensazionale. Sono saltato in aria quando l’ho sentito“.

Qual era la funzione di questa grande fortezza

Le forze d’invasione di Claudio sbarcarono nel Kent. Nell’estate del 43 d.C. l’imperatore era abbastanza fiducioso da recarsi in Gran Bretagna, entrando trionfante a Colchester per 12 capi si sottomisero. Nel giro di tre anni, i romani avevano rivendicato l’intera Britannia come parte del loro impero.  “La forza principale proveniva da Boulogne e Calais, ma il fianco settentrionale di quell’attacco doveva essere coperto ed era coperto dal forte di Velsen. La minaccia germanica compare più volte nella letteratura romana“, spiega l’archeologo. “Era un sistema di allerta precoce per le truppe in Francia. Non importava cosa mettessero in campo le tribù germaniche, perché lì c’era una legione“, aggiunge Bosman.

Che cosa hanno trovato gli archeologi a Velsen

La prima prova di un forte romano a Velsen, nell’Olanda settentrionale, era stata scoperta nel 1945 da alcuni studiosi che trovarono frammenti di ceramica in una trincea anticarro tedesca abbandonata. La ricerca è stata intrapresa negli anni ’50 durante la costruzione del Velsertunnel, sotto il Nordzeekanaal, e gli scavi archeologici hanno avuto luogo negli anni ’60 e ’70. Nel 1997, la scoperta da parte di Bosman di fossati romani in tre punti furono ritenute prove sufficienti affinché l’area diventasse un sito archeologico protetto dallo stato. Ma in questa fase si pensava che il campo di Velsen fosse un’area ancora piccola e limitata. Questa teoria è stata completata dalla scoperta nel 1972 di un precedente forte, noto come Velsen 1, che si ritiene sia stato in funzione dal 15 al 30 d.C.

Gli archeologi hanno scoperto resti umani in alcuni ex pozzi, una tattica usata dai romani in ritirata per avvelenare le acque. L’esistenza dei due forti a poche centinaia di metri l’uno dall’altro aveva portato i ricercatori a ritenere per decenni che entrambi fossero verosimilmente dei semplici accampamenti militari minori.  Solo a novembre, mettendo insieme tutti i pezzi del puzzle, si è giunti a una nuova consapevolezza. “Non si tratta di uno o due ettari come il primo forte di Velsen, ma almeno 11 ettari“, ha detto Bosman. “Abbiamo sempre pensato che fosse della stessa dimensione, ma non è vero. Era una fortezza legionaria e questo è qualcosa di completamente diverso“, ha spiegato Bosman, sottolineando il gran numero di armi, pugnali e giavellotti ritrovati nell’area.

 


Tag: AmsterdamCaligolaFortezza romana