Roma: luci al Pantheon e Auditorium Morricone. Raggi: “Ripartiamo”

Roma vive due importanti inaugurazioni, e la sindaca Virginia Raggi non nasconde emozione ed entusiasmo: "Diamo un segnale ai cittadini, godiamo delle nostre bellezze"

newsby Redazione11 Luglio 2020



La novità dei monumenti illuminati

Novità a Roma, dove è stata inaugurata la nuova illuminazione del Pantheon. Una novità a cui la sindaca Virginia Raggi dà grande importanza: “Dobbiamo dare un segnale a tutti i romani che vivono e che lavorano in questa città. E che in questo momento hanno diritto di godere tanto quanto i turisti delle nostre bellezze. Così insieme ad Acea abbiamo ricominciato ad illuminare gli edifici della nostra città. E queste illuminazioni, fatte con utilizzo sapiente della tecnologia, consentono di restituire a questi monumenti durante l’orario notturno un fascino magico. Perché la luce riesce a mettere in risalto le linee, i pieni e i vuoti“.

E Virginia Raggi spiega l’importanza dell’iniziativa per Roma: “Questo ci serve perché la nostra città è bellissima. E noi dobbiamo ricordarlo ogni giorno e ogni sera, quando la luce naturale non c’è più. Cionondimeno, però, possiamo passeggiare per le strade della nostra città e godere delle bellezze che abbiamo. I corpi illuminanti della nostra città sono tutti a led. Siamo diventati una città molto sostenibile da questo punto di vista“.


Siamo qui oggi e siamo molto orgogliosi di essere qui per inaugurare l’illuminazione di questa bellissima opera che è una delle più amate di Roma e anche da tutti i turisti che passano da qui. Siamo orgogliosi perché è la prima tappa di un lungo percorso“, dichiara invece Michaela Castelli, Presidente di Acea, in occasione dell’inaugurazione della nuova illuminazione del Pantheon.

L’omaggio di Roma a Morricone


Nel frattempo l’Auditorium Parco della Musica sarà rinominato in memoria di Ennio Morricone. Una decisione che a sua volta Virginia Raggi commenta con orgoglio: “Noi abbiamo voluto iniziare questa serata con un omaggio al maestro Ennio Morricone. Sentire queste note che si diffondono scalda il cuore di ciascuno di noi. Perché ciascuno di noi ha dei ricordi indelebili legati a queste musiche, a queste melodie. E sentire queste note che si diffondono a Roma, nella sua città, nella nostra città, riempie il cuore“.

La musica, come la luce, è qualcosa che arriva istantaneamente. E noi vogliamo lavorare con le emozioni. Perciò abbiamo deciso di rendere omaggio in maniera permanente al maestro Morricone, intitolando e rinominando l’Auditorium Parco della Musica dedicandolo a lui. E per ricordare il maestro vi chiederei di osservare un minuto di silenzio, per ricordare la sua assenza ma che è presenza. Ennio Morricone è vivo, dentro ciascuno di noi, perché ci ha accompagnato tante volte e continuerà a farlo“, conclude la prima cittadina di Roma.


Tag: Ennio MorriconeRomaVirginia Raggi