Kataleya, la pm: “La pista di Bologna? Non escludiamo nulla”

Nelle ultime ore, la madre di Kataleya ha ingerito della candeggina ed è stata portata in ospedale. Ignote le ragioni del gesto

Foto | ANSA/LEONARDO ROSELLI - Newsby.it
Newsby Emanuele De Lucia 13 Giugno 2023

Continuano le indagini sulla scomparsa di Kataleya Alvarez, una bambina peruviana di cinque anni della quale si sono perse le tracce dal pomeriggio di sabato 10 giugno. La piccola si trovava con la famiglia nell’ex hotel Astor di Firenze, occupato abusivamente da un centinaio di persone da settembre 2022. Secondo le testimonianze raccolte, sarebbe scomparsa

Nella mattina di oggi, martedì 13 giugno, sul caso è intervenuta anche la pm Christine von Borries, che ha effettuato un sopralluogo dell’edificio nel quale viveva Kataleya. Alle domande della stampa circa una nuova pista che porterebbe nelle campagne bolognesi, la pm ha risposto: “Non escludiamo nulla“.

Bimba scomparsa a Firenze, fiaccolata intorno all’ex hotel Astor

Intorno alle ore 21 di ieri, lunedì 12 giugno, la comunità peruviana di Firenze ha organizzato una fiaccolata in via Luigi Boccherini, dove si trova l’ingresso secondario dell’ex hotel Astor, l’abitazione della madre della piccola Kataleya.

Kataleya, malore della madre, la donna ha ingerito della candeggina

Nelle scorse ore, la madre di Kataleya avrebbe ingerito una piccola quantità di candeggina. Dopo alcuni momenti concitati, due ambulanze sono arrivate all’ex hotel Astor per soccorrerla assieme ad un’altra donna. Al momento non è chiaro se dietro al gesto ci fosse la volontà di suicidarsi o di lanciare un messaggio di qualche tipo. Gli ultimi aggiornamenti indicano che la donna si sarebbe ripresa. Nella giornata di ieri, il padre della bambina ha tentato il suicidio in carcere.

Impostazioni privacy