Fase 2, Sala: “Riapertura confini il 3 giugno decisione giusta”

Il commento del sindaco di Milano alla notizia dello sblocco degli spostamenti tra diverse regioni

newsby Redazione30 Maggio 2020



Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha commentato positivamente la notizia della riapertura agli spostamenti da regione a regione senza necessità di autocertificazioni che attestino una motivazione urgente. La notizia era stata confermata da fonti istituzionali nella giornata di venerdì, dopo l’incontro fra il governo e i rappresentanti delle Regioni. “Non ci sono ragioni per rivedere la programmata riapertura degli spostamenti” aveva dichiarato a tal proposito, ieri, il ministro della Salute Roberto Speranza.

La soddisfazione di Sala

“Dal 3 giugno riaprono i confini nazionali: a mio parere si tratta di una decisione giusta” ha detto il primo cittadino del capoluogo lombardo nel messaggio da Palazzo Marino diffuso via Instagram.

“Adesso è il momento di ridare ossigeno al lavoro – ha aggiunto Sala –. Nessuno di noi sa come evolverà la pandemia, bisognerà essere molto attenti. Ricordo comunque che in Lombardia, fino al 14 giugno, è obbligatorio l’uso delle mascherine”.

L’ordinanza sulla vendita di alcolici

Nella parte finale del suo messaggio, Sala è passato a commentare i primi risultati dell’ordinanza che, come obiettivo principale, ha quello di evitare disordini e assembramenti, soprattutto nelle zone della movida serale. “Nei giorni scorsi ho fatto un’ordinanza per vietare la vendita di alcolici e superalcolici da asporto a partire dalle 19 – ha spiegato il sindaco –. Io confermo i motivi per cui l’abbiamo fatta e vedo che sta portando dei risultati”.

“Ho ascoltato le forze di polizia e mi hanno confermato che la situazione nella serata di venerdì è stata buona – ha poi detto il primo cittadino avviandosi alla conclusione del suo messaggio –. Continuiamo a rispettare le regole e vediamo cosa succede nel weekend: sono disponibile a tornare sui miei passi”.

Sala aveva presentato l’ordinanza nei giorni scorsi in un altro messaggio diffuso via social: “Non vogliamo fare né gli sceriffi né i giustizieri della notte, ma non possiamo rimanere impassibili di fronte alle situazioni che stiamo vedendo”.


Tag: CoronavirusFase 2Giuseppe SalaMilano