Decreto legge Riaperture: tutte
le misure in vigore dal 26 aprile

Decreto approvato dal governo: sarà in vigore fino al 31 luglio. Riaperti i ristoranti la sera e introdotta la possibilità di spostarsi tra Regioni, ma la maggioranza resta divisa sul coprifuoco

Proroga stato di emergenza, cosa cambia per il blocco dei licenziamenti?
Palazzo Chigi (foto Wikimedia Commons | Simone Ramella CC BY 2.0)
newsby Marco Enzo Venturini22 Aprile 2021


Arriva il nuovo decreto legge Covid, varato dal governo e valido dal 26 aprile al 31 luglio. Inclusi i provvedimenti sul coprifuoco, che hanno scatenato quasi un accenno di spaccatura all’interno della maggioranza. Nonostante le barricate della Lega (che infatti si asterrà sul voto), infatti, il provvedimento resterà a partire dalle 22. Rispetto alle iniziali indicazioni, però, sarà rivalutato a maggio in vista del 1° giugno e non più del 1° luglio. Andiamo però a riassumere tutte le nuove misure.

Zone gialle, ristoranti e spostamenti: il Decreto Riaperture

Come ampiamente noto, da lunedì torneranno in Italia anche le zone gialle. Il nuovo decreto legge darà anche la possibilità di pranzare e pure cenare all’aperto, con bar e ristoranti che non saranno più costretti a chiudere nel tardo pomeriggio. Aumentate considerevolmente le possibilità di circolare: “Dal 26 aprile e fino al 15 giugno, in zona gialla e arancione, è possibile andare a trovare amici o parenti in una abitazione privata (diversa dalla propria) in 4 persone al posto di 2“.

Non è tutto perché, come già anticipato nei giorni scorsi, il nuovo decreto reintroduce la possibilità di spostarsi tra diverse Regioni grazie al varo del cosiddetto “Green Pass“. “Dal 26 aprile chi è munito di certificazione verde potrà spostarsi da una Regione all’altra anche se si tratta di zone rosse o arancioni. Le certificazioni verdi rilasciate dagli Stati membri dell’Unione sono riconosciute valide in Italia. Quelle di uno Stato terzo se la vaccinazione è riconosciuta come equivalente a quella valida sul territorio nazionale“.

Secondo quanto stabilito dal decreto “può avere il certificato verde:

  • chi ha completato il ciclo di vaccinazione (dura sei mesi dal termine del ciclo prescritto)
  • chi si è ammalato di Covid ed è guarito (dura sei mesi dal certificato di guarigione)
  • chi ha effettuato test molecolare o test rapido con esito negativo (dura 48 ore dalla data del test)

Dalla scuola al tempo libero: le misure

Capitolo scuola: “Dal 26 aprile e fino alla fine dell’anno scolastico si torna in classe anche nelle scuole superiori (secondarie di secondo grado). La presenza è garantita in zona rossa dal 50% al 75%. In zona gialla e arancione dal 70% al 100%“. Ma il decreto presenta importanti riaperture anche sul fronte del tempo libero. In “cinema, teatri, sale concerto e live club, si potrà autorizzare la presenza anche di un numero maggiore di spettatori all’aperto rispetto ai 500 previsti al massimo al chiuso e ai mille all’aperto o al 50% della capienza“. E in più è “possibile autorizzare lo svolgimento di eventi sportivi di particolare rilevanza anche prima dell’1 giugno. Per tali eventi, e tenuto conto delle caratteristiche dei siti, è possibile autorizzare la presenza di un numero maggiore di 1.000 spettatori per gli impianti all’aperto o di 500 per quelli al chiuso“.


Tag: CoprifuocoCoronavirusDecreto riapertureGovernoMario Draghi