Covid, Mario Draghi e la moglie vaccinati con AstraZeneca. VIDEO

È da poco iniziata la somministrazione del vaccino per la fascia dei settantenni: oggi, all'hub di Termini a Roma, il turno del premier

Newsby Redazione 30 Marzo 2021

Il premier Mario Draghi si è vaccinato contro il coronavirus nella mattinata di martedì. Il presidente del Consiglio e la moglie, la signora Maria Serenella Cappello, si sono sottoposti alla vaccinazione con AstraZeneca nell’hub della Stazione Termini di Roma.

Nessuna ‘corsia privilegiata’ per il premier

Come aveva anticipato nelle scorse settimane, il premier, 73 anni, ha atteso il suo turno come da programma. Nel Lazio, infatti, è iniziata da poco la somministrazione del vaccino per gli ultrasettantenni, come previsto dal calendario della campagna predisposto dall’amministrazione Regionale.

Il vaccino con AstraZeneca è simbolico anche alla luce delle polemiche riguardanti la casa farmaceutica anglo-svedese delle ultime settimane. Un altro segnale di ottimismo, insomma, dopo quelli emersi al termine della riunione con la Conferenza delle Regioni. Dopo il colloquio con i governatori, il presidente del Consiglio ha parlato, da Palazzo Chigi, di una campagna vaccinale che “sta migliorando continuamente e rapidamente“.

L’appello per il nuovo Trattato internazionale

Nel frattempo, come confermato dal Consiglio europeo, lo stesso Draghi risulta tra i firmatari dell’appello per un nuovo Trattato internazionale per la preparazione e la risposta alle pandemie. Una proposta che lo stesso Consiglio Ue sta per lanciare, a giorni, in collaborazione con il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Ghebreyesus.

Oltre a Mario Draghi, in rappresentanza dell’Italia, hanno firmato l’appello, tra glia ltri, anche il Presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron, il primo ministro britannico Boris Johnson, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il pari ruolo austriaco Mark Rutte.

L’obiettivo è quello di affrontare con maggior consapevolezza difficoltà simili in futuro, in piena collaborazione tra i governi e le autorità sanitarie mondiali.

Impostazioni privacy