Coronavirus, cala la curva in tutte
le Regioni: “Ma serve cautela”

Brusaferro in Cabina di regia spiega: "L'età media dei casi scende a 41 anni, gli over 80 calano più velocemente degli altri. È effetto della vaccinazione"

newsby Redazione7 Maggio 2021



La curva dei contagi al Coronavirus in Italia continua a scendere, e lo fa in ogni Regione d’Italia. È quanto si evidenzia nel corso della conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio settimanale della Cabina di regia.

Contagi: calano i casi e anche l’età media dei positivi

A inquadrare la situazione del Coronavirus nel nostro Paese è stato il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro. “L’età media dei casi scende a 41 anni. E anche l’età media dei ricoveri scende a 65 anni. I casi però segnano un aumento tra i più giovani, tra 0 e 9 anni. I casi tra gli over 80 decrescono più rapidamente delle altre fasce. E questo è un effetto delle vaccinazioni“, ha infatti affermato.


Non è però questo l’unico dato sul Coronavirus che permette un crescente ottimismo. “Cominciamo a vedere ora gli effetti di un calo anche rispetto alla mortalità – ha infatti spiegato Brusaferro –, ma la curva è ancora in fase iniziale. Se guardiamo il rapporto tra over 80 e under 80, vediamo che l’incidenza degli over 80 tende a decrescere. Si sta verificando soprattutto nell’ultimo periodo, in concomitanza con la crescita della copertura vaccinale“.

Coronavirus tra speranze e preoccupazioni: la situazione


Non è però ancora il caso di iniziare a festeggiare. Anzi, così come i dati sul Coronavirus sono migliorati nelle ultime settimane, allo stesso modo potrebbero tornare a precipitare nel prossimo futuro. A spiegarlo senza giri di parole, in conferenza stampa, è il direttore della prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza. “È chiaro che nessuno può escludere un aumento dei casi nel prossimo o nei prossimi due mesi – ha infatti spiegato –. Per questo motivo c’è sempre un invito alla cautela, anche se guardiamo ora alla situazione con un certo ottimismo“.

Rimane però un aspetto molto importante, nell’ambito del contrasto al Coronavirus. E lo stesso Rezza ha voluto ricordarlo: “Contiamo però che l’effetto delle vaccinazioni per il periodo estivo sarà maggiore. E c’è dunque un cauto ottimismo“.


Tag: CoronavirusGianni RezzaSilvio Brusaferro