Chi è Marcello Minenna e perché è stato arrestato?

Economista esperto di finanza stocastica, in passato ha ricoperto gli incarichi di direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e di Assessore del Comune di Roma

Foto | MAURIZIO BRAMBATTI/ANSA - Newsby.it
Newsby Alessandro Bolzani 23 Giugno 2023

Marcello Minenna è l’attuale assessore all’Ambiente della Regione Calabria. In passato ha ricoperto gli incarichi di direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e di Assessore del Comune di Roma, con la giunta Raggi, e ha anche avuto un ruolo di primo piano presso la Consob, la Commissione Nazionale per la Società e la Borsa, dove nel 2015 è arrivato a guidare l’ufficio dell’ispettorato. Nelle ultime ore è salito agli onori della cronaca per essere stato arrestato nell’ambito di un’inchiesta della procura di Forlì, in seguito alla quale è finito ai domiciliari. Otre a lui è stato arrestato anche l’ex deputato della Lega Gianluca Pini, non più in carica dal 2018. In totale sono stati emessi 34 provvedimenti cautelari, tutti riguardanti un maxi appalto con l’Ausl Romagna per la fornitura di mascherine e l’accusa di aver lucrato sul Covid.

La carriera di Minenna

Nato nel 1971, Minenna si è laureato alla Bocconi nel 1993 ed è un economista esperto di finanza stocastica. Al termine del suo percorso universitario ha fatto una breve esperienza alla Procter & Gamble nel dipartimento Market Research.

Minenna a un convengo alla Mostra d'Oltremare di Napoli
Foto | ANSA / CIRO FUSCO – Newsby.it

Nel corso degli anni ha scritto vari libi sulle materie di cui è esperto e ha collaborato con giornali prestigiosi come Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, Repubblica, Financial Times e Wall Street Journal. Dopo aver ricoperto ruoli importanti presso la Consob (dal 1996 in poi) e l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, si è avvicinato alla vita politica nel 2015, quando l’allora commissario straordinario per Roma Capitale Francesco Paolo Tronca l’ha preso nella sua task force, e nel 2016 è diventato assessore al Bilancio nella giunta Raggi a Roma. In seguito è stato anche assessore all’Ambiente nella giunta regionale della Calabria. Sul suo sito ufficiale e su Linkedin si è sempre definito un “civil servant”.

Particolarmente vicino al Movimento 5 Stelle, durante la sua esperienza come assessore al Bilancio nella giunta Raggi Minenna ha accumulato una lunga serie di deleghe. Si è occupato, tra le altre cose, di partecipate, patrimonio, politiche abitative e spending review.

L’arresto

L’indagine che ha portato all’arresto di Minenna riguarda vari episodi di corruzione che si sono verificati in passato ed è scaturita da un’operazione antidroga della Squadra Mobile di Forlì che nel gennaio del 2020 aveva portato al sequestro di 28 chili di cocaina. Dietro al traffico c’era un imprenditore forlivese con precedenti che, come emerso da varie intercettazioni, avrebbe avuto un rapporto consolidato con l’ex parlamentare Pini. Quest’ultimo avrebbe coinvolto anche Minenna nei suoi piani, con la promessa di “accreditarlo all’interno della Lega in modo che venisse considerato un uomo di quel partito, promettendogli la conferma della nomina a Dg dell’Agenzia delle Dogane a seguito del cambio del governo”. Come illustrato dai pm, Minenna “accettava le promesse in cambio dell’asservimento della sua funzione pubblica”, in particolare “alle richieste di Pini in occasione di importazione di merci”, tra cui le mascherine al centro dell’inchiesta.

Impostazioni privacy