Berlusconi si trova al San Raffaele:
“Non è in terapia intensiva”

Silvio Berlusconi aveva reso nota la sua positività al Coronavirus mercoledì ed è stato ricoverato all'ospedale milanese per una polmonite bilaterale precoce. Zangrillo: "Situazione clinica tranquilla e confortante"

newsby Marco Enzo Venturini4 Settembre 2020



Silvio Berlusconi va all’ospedale San Raffaele di Milano, a due giorni di distanza dalla notizia della sua positività al COVID-19. Il ricovero è scattato “per accertamenti” e “a scopo precauzionale“. Lo staff dell’ex Cavaliere aggiunge in una nota che “il quadro clinico non desta preoccupazioni“. L’Ansa riferisce infatti di “una polmonite bilaterale allo stato precoce“. L’agenzia cita fonti sanitarie, con tale diagnosi che sarebbe il frutto di una Tac. Proprio da questa situazione scatterebbe il suo ricovero precauzionale.

Il bollettino del tardo pomeriggio: “Blando coinvolgimento polmonare”

Nel pomeriggio è arrivato il bollettino dell’ospedale. “Silvio Berlusconi è stato ricoverato perché è un paziente a rischio ma la situazione è tranquilla e confortante“. È quanto ha detto il professor Alberto Zangrillo, medico personale del leader di Forza Italia, per chiarire la situazione di salute dopo il ricovero al San Raffaele. “Dopo la positività al Covid”, ha precisato, “ho ritenuto opportuno, in seguito a un blando coinvolgimento polmonare, un approfondimento diagnostico con il ricovero”. Zangrillo si è detto comunque ottimista per i prossimi giorni: “Il regime di ricovero è normale. È in una camera che risponde ai requisiti richiesti dalle leggi regionali in merito alla tutela di terzi e del paziente. Il paziente non è intubato e respira spontaneamente”. “Tutte le narrazione relative ai supporti di ossigenoterapia, ha poi proseguito, “sarebbero anche plausibili, ma oggi appartengono alla fantasia di qualcuno. Non ci sarebbe nulla di male a farlo”.

Berlusconi: i sintomi e il ricovero

Berlusconi aveva fatto sapere di non presentare più i sintomi del Coronavirus già nel corso della giornata di giovedì. Il suo arrivo al San Raffaele è avvenuto intorno alla mezzanotte e Berlusconi è entrato nell’ospedale sulle sue gambe, camminando in autonomia. Ricordiamo che anche i figli Luigi e Barbara sono risultati positivi, così come l’attuale compagna del leader di Forza Italia, Marta Fascina.

A Berlusconi è stata riservata una stanza del San Raffaele che già occupò in occasione di alcuni precedenti ricoveri. Si trova al sesto piano e nel settore D, quello dedicato ai pazienti solventi. Nelle ultime ore si è discusso molto su quando, come e dove possa essere avvenuto il suo contagio. Sempre meno probabile che l’incontro in Sardegna con Flavio Briatore abbia avuto un ruolo, ora prevale l’ipotesi che il tutto sia avvenuto a Capri. Proprio qui l’ex Premier ha infatti incontrato i figli, nel frattempo rimasti a loro volta contagiati.

La telefonata del leader di Forza Italia a Genova

Licia Ronzulli, senatrice di Forza Italia, era intanto intervenuta su Rai 3 nel corso della trasmissione ‘Agorà’ per dare un ulteriore aggiornamento sulle sue condizioni: “Berlusconi sta bene, ha passato la notte in ospedale e mi hanno riferito che sta bene. C’è stato bisogno di un piccolo ricovero precauzionale per mantenere monitorato meglio l’andamento del COVID-19. È stato ricoverato ieri sera, la mattinata era iniziata un po’ male ma ora sta bene“.

Rientrato dalla Sardegna a Arcore nei giorni scorsi, Berlusconi era intervenuto al telefono già ieri nel corso di un’iniziativa di Forza Italia a Genova. Alla presenza di Antonio Tajani, aveva ricordato di “non avere mai sottovalutato i rischi del COVID-19“. Si era quindi detto vicino a chi combatte il Coronavirus, rimarcando “la conseguente necessità di misure di rigorosa tutela dalla salute pubblica“.


Tag: CoronavirusLicia RonzulliSilvio Berlusconi