A che punto è il turismo nello spazio e perché interessa ai miliardari

Il turismo nello spazio entro il 2027 raggiungerà un giro di affari da 1,7 miliardi di euro. E per Bezos, Branson e Musk è il futuro: come vede lo spazio ciascuno di loro

newsby Redazione11 Luglio 2021


Il volo della Virgin Galactic di Richard Branson segna una tappa storica per quanto riguarda lo sviluppo del turismo nello spazio. Un settore nel quale negli ultimi anni stanno investendo alcuni dei più importanti multimiliardari al mondo. 

Da Elon Musk di Tesla, con Space X, alla Virgin di Branson, fino al patron di Amazon Jeff Bezos, con il progetto Blue Origin. Ma a che punto siamo in questo settore, e davvero rappresenterà una nuova frontiera di investimenti nel futuro?

Le previsioni sullo sviluppo del settore

In base ai dati contenuti nel rapporto “Space tourism global market“, si tratta di un settore nuovo che per il momento vale 651 milioni di dollari. Tuttavia entro il 2027 il giro di affari raggiungerebbe il valore di 1,7 miliardi di euro. E con un tasso di crescita medio del +152%. Numeri non strabilianti, ma sicuramente “rispettabili”.

La parte più importante dovrebbe essere rappresentata dal turismo suborbitale. È previsto che sarà la Cina ad assorbire la maggior parte del giro di affari, arrivando a quota 401,6 milioni di dollari entro il 2027, con una crescita attesa del 19,7%.

E nonostante tutti i progetti più noti siano portati avanti dai super miliardari, stanno nascendo anche startup come la Orbital Assembly Corp che intende sviluppare sistemi di costruzione nello spazio. La Axiom Space ha invece come obiettivo costruire una vera e propria stazione orbitale privata.

Perché lo spazio interessa così tanto ai miliardari


Qualcuno sta cominciando a parlare di “ossessione”.Bezos, Branson, Musk. Tutti e tre hanno un motivo per andare sullo spazio. Per Bezos andare sullo spazio “cambia il tuo rapporto con il pianeta e con l’umanità”. E questo lo aiuterà nella gestione di iniziative filantropiche.

Il più “visionario” è senza dubbio Elon Musk. È convinto che il futuro dell’umanità sia fuori dalla Terra. Se l’uomo non vorrà estinguersi, dovrà migrare su un altro pianeta. Meglio farsi trovare pronti e dunque progettare mezzi di trasporto per costruire una città su Marte. Musk si è detto pronto per essere uno dei “pionieri”.

Più “utilitaristico” il progetto di Branson. Il suo sogno è collaudare un sistema rapido di trasporti per permettere di trasportare velocemente turisti su hotel orbitanti o costruiti su altri pianeti.


Tag: Elon MuskJeff BezosRichard BransonVirgin Galactic