Volley, minuto di silenzio in Italia per la pallavolista afghana uccisa – VIDEO

Il lutto per Mahjabin Hakimi è stato osservato su tutti i campi di pallavolo, dalla Serie A in giù, su decisione della Fipav

newsby Redazione25 Ottobre 2021



Il volley italiano si unisce nel ricordo della 18enne Mahjabin Hakimi, la giovane pallavolista afghana uccisa dai talebani. Su tutti i campi, dalla massima serie ai campionati regionali e territoriali, gli atleti hanno osservato un minuto di silenzio in memoria di Hakimi.

Volley in lutto per Mahjabin Hakimi

A deciderlo è stato il presidente della Fipav, Giuseppe Manfredi, in accordo con il presidente del Coni, Giovanni Malagò, e la sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali. Le squadre hanno osservato il lutto a partire dalla partita di giovedì sera tra Imoco Volley Conegliano e Igor Volley Novara e in tutte le gare del weekend.

Sylla: “Poteva essere mia sorella”

La vicenda di Hakimi, benché non ancora del tutto chiara, ha colpito molto profondamente il movimento del volley italiano. “Il mondo intero deve sentirsi in colpa – ha detto Myriam Sylla, capitana della Nazionale di pallavolo femminile campione d’Europa -. Mahjabin poteva essere mia sorella, potevo essere io”.

Berruto: “Questo è oggi l’Afghanistan”

“Guardatela come se fosse vostra figlia: Mahjabin è stata decapitata, perché hazara e perché giocava a pallavolo senza hijab – ha twittato l’ex c.t. dell’Italvolley Mauro Berruto -. Questo è oggi l’Afghanistan. Abbiamo persone lì che sono cadaveri ambulanti. Fermiamo questo genocidio con i corridoi umanitari o ne saremo responsabili”. 


Tag: AfghanistanGiovanni MalagòGiuseppe ManfrediMahjabin HakimiValentina VezzaliVolley