Vaccino anti Covid è ancora efficace? I dati Iss parlano chiaro

Per prevenire ricoveri in ospedale e decessi, il vaccino conserva un'altissima efficacia. Discorso leggermente diverso per la prevenzione dei sintomi

newsby Marco Enzo Venturini6 Novembre 2021


Se i numeri legati alla nuova crescita dei contagi Covid stanno spaventando l’Italia, buone notizie arrivano invece dall’efficacia del vaccino. Che, secondo quanto riferito dall’Istituto superiore di sanità (Iss), resta molto elevata.

L’efficacia del vaccino oggi: il documento dell’Iss

Lo si evince dal documento esteso sull’andamento dell’epidemia in Italia che proprio oggi l’Iss ha pubblicato. E i dati parlano del vaccino anti Covid come “altamente efficace” nel prevenire l’ospedalizzazione (91%), il ricovero in terapia intensiva (95%) o il decesso (91%) con Variante Delta prevalente.

Meno rinfrancanti, invece, sono i dati relativi all’efficacia del vaccino nel prevenire qualsiasi diagnosi sintomatica o asintomatica di Covid per chi ha completato l’attuale ciclo di somministrazioni. Se infatti l’efficacia era dell’89% nel periodo in cui era la Variante Alfa ad essere prevalente, da quando ha preso il sopravvento la Variante Delta il dato è sceso al 75%.

Covid: perché negli ultimi giorni sta facendo di nuovo paura

È importante ricordare che in data venerdì 5 novembre si è verificato l’incremento maggiore di nuovi casi di Covid dal 2 settembre (quando se ne registrarono 6.761). Le nuove positività sono risultate essere 6.764 e determinano un sensibile aumento alla curva pandemica. Per fare un paragone, il giorno prima si erano verificati 5.905 contagi. Si è verificata anche una lieve crescita della pressione sulle strutture ospedaliere. I ricoveri ordinari sono stati 3.124 (79 in più di giovedì) e i pazienti in terapia intensiva 395 (12 in più di ieri), con 37 ingressi del giorno (ieri erano stati 36). Tutti i dati sono contenuti nel bollettino quotidiano del ministero della Salute.

Nel frattempo anche a Trieste si è deciso di inasprire i controlli e anche gli interventi nei confronti dei manifestanti No Green pass. “contravventori al divieto o alla prescrizione dell’Autorità sono puniti con l’arresto fino a un anno e con l’ammenda da euro 206 a euro 413“, ha spiegato la Questura. Un altro modo per contrastare la nuova accelerazione del Covid, e anche tentare di far ripartire la campagna vaccinale alla massima velocità possibile.


Tag: campagna vaccinaleCoronavirusCovidIstituto superiore di SanitàVaccinoVariante Delta