Non solo Olanda, quali paesi hanno adottato misure contro Omicron

Le nazioni di tutta Europa sono al lavoro per imporre misure più dure e arginare una nuova ondata di infezioni a causa della variante Omicron

Foto Wikimedia Commons
Newsby Linda Pedraglio 19 Dicembre 2021

Le nazioni di tutta Europa sono al lavoro per reimporre misure più dure e arginare una nuova ondata di infezioni da Covid, a causa dalla variante Omicron. In testa c’è l’Olanda, la prima in UE a introdurre un nuovo lockdown. “I Paesi Bassi entreranno di nuovo in lockdown da domani“, ha detto il primo ministro olandese, definendo la mossa “inevitabile a causa della quinta ondata causata dalla variante Omicron che ci sta piombando addosso“.

Proclamato nuovo lockdown in Olanda

A partire da domenica, in Olanda, tutti i negozi, i bar e i ristoranti non essenziali rimarranno chiusi fino al 14 gennaio. Lo ha detto il primo ministro ad interim Mark Rutte in una conferenza stampa organizzata in fretta e furia sabato sera. Scuole e università chiuderanno fino al 9 gennaio, ha detto. In quella che sicuramente si rivelerà una grande delusione, le nuove restrizioni frenano anche le celebrazioni private delle festività. Secondo Rutte, solo ai residenti saranno consentiti due visitatori eccetto per Natale e Capodanno, quando ne saranno ammessi quattro

Variante Omicron, nuove misure in EU

Ma non sono solo gli olandesi a cercare di rallentare la diffusione di Omicron. Anche i ministri di Francia, Cipro e Austria hanno inasprito le restrizioni ai viaggi. Parigi ha annullato i fuochi d’artificio di Capodanno. La Danimarca ha chiuso teatri, sale da concerto, parchi di divertimento e musei. L’Irlanda ha imposto un coprifuoco alle 20 su pub e bar e una partecipazione limitata a eventi interni ed esterni.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha riferito sabato che la variante Omicron del coronavirus è stata rilevata in 89 paesi. Mentre i casi di Covid che coinvolgono la variante raddoppiano ogni 1,5-3 giorni in luoghi con trasmissione comunitaria e non solo infezioni acquisite all’estero. Le principali domande su Omicron rimangono senza risposta, inclusa l’efficacia dei vaccini Covid contro di essa e se la variante produce malattie gravi in ​​molti individui infetti, ha osservato l’OMS.

Nuove misure in Regno Unito

Nel Regno Unito, dove i casi giornalieri confermati sono aumentati fino a registrare numeri questa settimana, il governo ha reintrodotto l’obbligo di indossare le mascherine al chiuso. Ha inoltre ordinato alle persone di mostrare la prova della vaccinazione o un recente test negativo del coronavirus quando si recano in discoteche e grandi eventi. Ma le restrizioni hanno causato rabbia nel Paese. I manifestanti, quasi tutti senza mascherina, hanno inondato Oxford Street sabato, al grido di “Libertà!”. Anche il sindaco di Londra Sadiq Khan ha espresso grande preoccupazione per i contagi in risalita e il rischio di sopraffare il sistema sanitario.

Anche l’Irlanda corre ai ripari a causa di Omicron

Anche il primo ministro irlandese Micheal Martin ha affermato che le nuove restrizioni erano necessarie per proteggere vite e mezzi di sussistenza dal virus risorgente. “Niente di tutto questo è facile“, ha detto Martin venerdì sera. “Siamo tutti esausti con il Covid e le restrizioni che richiede. I colpi di scena, le delusioni e le frustrazioni mettono a dura prova tutti. Ma è la realtà con cui abbiamo a che fare“, ha sottolineato il primo ministro irlandese.

Preoccupazione a Rotterdam

Nei Paesi Bassi, gli acquirenti che temevano il peggio si sono riversati nelle aree commerciali delle città olandesi all’inizio di sabato, pensando che potesse essere la loro ultima possibilità di acquistare regali di Natale. Il comune di Rotterdam ha twittato che era “troppo occupato nel centro” della città portuale e ha detto alla gente di non venire in città. Amsterdam ha anche avvertito che la principale via dello shopping della città era trafficata e ha esortato le persone a rispettare le regole del coronavirus.

 

 

 

Impostazioni privacy