Barbie entra nelle Rsa: cos’è la doll therapy?

Alcuni studi hanno dimostrato che le bambole realistiche o gli animali di peluche possono avere grandi benefici per alcune persone che soffrono di demenza, in particolare nelle fasi successive della patologia. Le bambole, infatti, possono promuovere sentimenti di rilassamento e piacere e sono considerati una forma di terapia e non semplicemente un gioco con cui passare il tempo.

Gli effetti della doll therapy sui pazienti affetti da demenza

Tenere o semplicemente stare con una bambola o un animale di peluche, come un gatto o un cane, può essere particolarmente utile per le persone che sono introverse, irrequiete, angosciate o ansiose, migliorandone il benessere e la capacità di comunicare. La sensazione di tenere in mano una bambola o un animale giocattolo può essere rilassante. Potrebbe ricordare loro un’epoca in cui avevano bambini piccoli o un animale domestico tutto loro.

Alcune persone affette da demenza sperimentano il “sundowning“, ovvero uno stato di intensa confusione e angoscia che si verifica tipicamente verso sera. In questa condizione i pazienti possono sentire un forte bisogno di tornare a casa, anche se si trovano già a casa loro, o di andare a prendere il figlio a scuola, anche se oramai sono cresciuti. Avere una bambola o un animale giocattolo su cui concentrarsi in questi delicati momenti della giornata può alleviare questi sentimenti di angoscia e insicurezza.

Gruppo di peluche per la doll therapy
Immagine | Pixabay @ricul – Newsby.it

“Prendersi cura” di una bambola o di un peluche può anche dare alle persone con demenza un rinnovato sentimento di avere uno scopo nella vita e aiutarle a connettersi con il mondo esterno. Questo può avere un effetto a catena sulla loro energia, sui livelli di attività e sull’umore.

Se in famiglia ci sono persone più giovani, come i nipoti o, in caso di demenza giovanile (in cui i sintomi si sviluppano prima dei 65 anni), i propri figli, giocare o parlare insieme del giocattolo potrebbe aiutarli a interagire e favorire sentimenti di vicinanza.

Gli esperti hanno anche individuato alcuni consigli da mettere in pratica per fare in modo che la doll therapy funzioni al meglio. Vediamoli insieme.

Per prima cosa è necessario presentare gradualmente la bambola o l’animale di peluche al paziente. Potresti, ad esempio, posizionarlo su una sedia prima che la persona entri nella stanza. Aspetta e vedi se e come il paziente risponde.

Lascia che scopra la bambola o l’animale giocattolo con i propri tempi. Se il paziente non mostra alcun interesse verso di esso, non cercare assolutamente di insistere su di loro. Alcune persone con demenza semplicemente non sono interessate a bambole e peluche, ma puoi sempre riprovare un altro giorno con la stessa tecnica.

Anche offrire una scelta di diverse bambole o animali morbidi tra cui scegliere può essere di grande aiuto.

Se la persona è interessata alla bambola o al peluche, usalo come un modo per entrare in contatto con lei. Potresti, quindi, porre domande sulla bambola o sull’animale, riferendoti ad esso come lui, lei o loro.

Se ha difficoltà a comunicare, potresti invece fare osservazioni sulla bambola o sull’animale giocattolo. Per una bambola, ad esempio, potresti dire: “Non ha un bel viso?” o “Che bel vestito”. Per un animale, potresti dire: “Che bella pelliccia”, oppure “Sembra (nome di un animale domestico del passato)”.

Alcune aziende vendono bambole realistiche e animali di peluche animati che sono commercializzati per le persone affette da demenza, ma non è necessario effettuare un acquisto costoso in quanto le normali bambole e i peluche possono essere altrettanto efficaci.

È altrettanto importante consentire alla persona con demenza di prendere le proprie decisioni sull’uso di una bambola: non costringerla a guardarla, toccarla o tenerla in mano se non è interessata.

È anche una buona idea discutere i tuoi piani per dare alla persona una bambola o un animale giocattolo con altri membri della famiglia. Alcune persone temono che la persona venga trattata come un bambino, ma spiegare i benefici può alleviare le loro preoccupazioni e aiutare, allo stesso tempo, il paziente.

La persona con demenza può attaccarsi molto alla sua bambola o al suo animale giocattolo e arrabbiarsi se qualcun altro lo prende in mano. È bene, dunque, evitare di portare fuori il giocattolo in situazioni in cui ciò potrebbe accadere, ad esempio in un’area comune di una casa di cura. Se la persona con demenza ha figli piccoli o nipoti, potresti tenere il giocattolo nella camera da letto della persona o fornire al bambino una bambola o un animale simile in modo che sia meno probabile che sia attratto dal giocattolo del paziente.

Se la persona con demenza ha assistenti domiciliari o si trova in una casa di cura, assicurati che il personale di assistenza sappia che la bambola o l’animale è importante per loro per evitare che venga smarrito o maneggiato da altre persone.

Se la persona sembra credere che il giocattolo sia reale, ad esempio riferendosi a una bambola come al suo “bambino”, non cercare di correggerla in quanto ciò potrebbe causare disagio e potrebbe portare a un peggioramento.

Prendi in considerazione l’acquisto di una bambola duplicata o di un animale morbido nel caso in cui l’originale si perda o debba essere pulito.

Alcune persone affette da demenza tendono a trascurare i propri bisogni di prendersi cura della bambola o dell’animale di peluche, ad esempio cercando di dargli il cibo o mettendolo nel letto e decidere di dormire su una sedia. In questi casi è necessario prendere in considerazione l’idea di tenere il giocattolo fuori dalla vista durante i pasti o di lasciare che la persona lo abbia durante il giorno piuttosto che prima di andare a letto.

Se la persona non partecipa alle attività perché sente di dover prendersi cura del suo giocattolo, introduci l’idea di qualcuno che faccia “da babysitter” durante la sua assenza, in modo da non limitare la sua partecipazione.

Prima di decidere di far iniziare a un proprio caro o assistito la doll therapy è necessario, come detto, informare tutte le persone che entrano a contatto con il paziente in modo tale da evitare situazioni poco piacevoli o complicate. Inoltre, è necessario stare a stretto contatto con l’eventuale personale che si prende cura della persona affetta da demenza, in modo tale da avere sempre la situazione sotto controllo e avere un ulteriore aiuto.

La doll therapy, esattamente come la pet therapy, può essere un aiuto fondamentale per le persone affette da demenza, dunque il nostro consiglio è quello di non esitare a provare questa forma di terapia e di vedere se effettivamente può portare a un benessere maggiore del paziente.

Impostazioni privacy