UE, Sassoli: “Su Recovery la parola passa ai Parlamenti nazionali”

"Facciano in fretta con ratifica, così da emettere bond", dice il presidente del Parlamento europeo. Von der Leyen: "I Paesi ratifichino quanto prima la decisione sulle risorse proprie"

newsby Giulia Torbidoni12 Febbraio 2021



Cerimonia della firma della legge sul dispositivo di recupero e resilienza (la Recovery and Resilience Facility) al centro del Next Generation Eu, da parte del presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, e del premier portoghese, Antonio Costa, a nome della Presidenza del Consiglio dell’UE, alla presenza di Ursula Von der Leyen, Presidente della Commissione europea.


“L’Europa oggi conclude una fase: quella di mettere a disposizione di Paesi, imprese e cittadini le risorse, le capacità e gli obiettivi per la ripresa. Abbiamo sempre detto che la ripresa deve essere europea e per tutti e abbiamo lavorato in questi mesi perché la risposta sia per tutti. Oggi è il giorno in cui si conclude questo lavoro. La parola spetta ai Parlamenti nazionali. Speriamo facciano in fretta, che mettano rapidità nella ratifica delle risorse proprie, per consentire l’emissione dei bond e raccogliere sui mercati le risorse per la ripresa”. Così il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli.

UE, Von der Leyen su Recovery: “Next Generation è messaggio di fiducia e solidarietà”


“È un momento storico. Stiamo lottando contro la pandemia con i vaccini, ma non dobbiamo dimenticare la crisi economica: lì la nostra speranza è il Next Generation Eu, 750 miliardi di euro per sostenere cittadini, comunità e aziende. Next Generation Eu è il nostro alleato e la nostra speranza ed è una opportunità unica per i nostri Paesi. È più di fondi, è un forte messaggio di solidarietà e fiducia nell’UE. Quello che è vero per il virus, è vero per l’economia: nessuno può farcela da solo. Quindi mettere insieme le forze, dare la possibilità alla Commissione di raccogliere fondi sui mercati e poi investirli in Europa. È un atto di saggezza comune e di fiducia nell’UE. Ora noi facciamo un appello agli Stati membri affinché ratifichino quanto prima la decisione sulle risorse proprie. Così la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen.


Tag: David SassoliRecovery PlanUrsula Von der Leyen