Stati generali, Zingaretti: “Ho fiducia, nessuno si tiri indietro”

"Le scelte dopo un confronto saranno più condivise", sostiene Zingaretti sugli Stati generali. Sull'Election Day dichiara. "I seggi elettorali si tengano il più possibile fuori dalle scuole"

Newsby Andrea Corti 15 Giugno 2020

Il segretario del Partito Democratico, Nicola Zingaretti, ha parlato a margine di una conferenza stampa all’ospedale Spallanzani dove ha espresso, tra le altre cose, la propria opinione sugli Stati generali: “Ho fiducia in questo sforzo: gli Stati generali sono un luogo di confronto per il futuro dell’Italia, spero che nessuno si tiri indietro. Avremo decine di miliardi di euro da investire sul futuro dell’Italia, l’importante è spenderli bene. Poi ci sarà il momento delle scelte, ma i temi che vedo emergere sono importanti e condivisi. Le scelte dopo un confronto saranno più condivise”.

Zingaretti: “Appello al Governo, i seggi elettorali non siano nelle scuole”

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, oltre agli Stati generali, interviene anche sul tema dell’Election Day, che si terrebbe a settembre e che accorperebbe elezioni regionali, comunali e il referendum confermativo sulla riduzione del numero dei parlamentari. “Sulla scuola mi permetto di fare un appello al Governo, ministero dell’Interno, al ministero dell’Istruzione e alle prefetture. Viste le scelte di carattere elettorale che si stanno facendo sarebbe bene uno sforzo, anche per tutelare la salute, che i seggi elettorali si tengano il più possibile questa volta o in luoghi separati nelle scuole, come le palestre, o concordandolo con sindaci e prefetture in altri luoghi pubblici, per tenere le elezioni in altri luoghi pubblici che non siano le scuole ed evitare di interrompere il ciclo scolastico all’apertura del nuovo anno e soprattutto dopo un anno così difficile”.

“A settembre nel Lazio testato tutto il personale scolastico”

A proposito sempre di scuola, dalla conferenza stampa che si è tenuta allo Spallanzani, Zingaretti fa un annuncio importante: “Siamo arrivati ad oltre 100mila test, continueremo con circa 14mila test e tamponi al giorno. Da settembre sarà testato tutto il personale scolastico. Raddoppiamo la campagna dei vaccini anti-influenzali. Rinnovo l’appello al vaccino”.

D’Amato: “Finora 108mila test, rilevati 160 asintomatici”

Nel corso di una conferenza stampa presso l’Istituto Spallanzani, Alessio D’Amato, assessore alla Sanità della Regione Lazio, ha illustrato i primi dati dell’indagine regionale di sieroprevalenza. “Sono stati eseguiti finora 108mila test sierologici con una prevalenza del 2,4% di IgG, che era il dato che ci aspettavamo. Sono 160 i tamponi positivi in asintomatici. Consideriamo chiusa l’attività del focolaio dello stabile alla Garbatella. I focolai ora sono sotto controllo”.

 

 

Impostazioni privacy