Sassoli: “Affrontare disuguaglianze sociali ed economiche”

"Le persone non siano più viste come consumatori, ma come cittadini"

newsby Giulia Torbidoni4 Febbraio 2021



Nell’Ue stiamo lavorando per una politica economica e sociale basata su una idea di società ecologicamente e umanamente sostenibile. Lo sforzo non si esaurisce con le misure che abbiamo adottato. Dobbiamo affrontare in modo deciso le disuguaglianze sociali e le disuguaglianze economiche, rispondere alle esigenze delle nostre popolazioni. La ricostruzione dovrà rafforzare la coesione delle nostre comunità e la loro capacità di resilienza. Abbiamo bisogno di relazioni virtuose tra istituzioni, cittadini e territori affinché le persone non siano più considerate solo utenti e consumatori, ma cittadini che contribuiscono attivamente alla ricostruzione“. Così il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, in audizione al Senato in commissione per i diritti umani.

Digitale, Sassoli: “Internet deve essere servizio pubblico per tutti”


Era già evidente che la mancanza di accesso a internet fosse una delle cause principali delle crescenti disuguaglianza tra cittadini europei ed è una forma importante di emarginazione sociale. La pandemia non ha fatto altro che metterlo dolorosamente in evidenza e dobbiamo tenerne conto nel contesto della ricostruzione come una nostra priorità. La mancanza di accesso a internet non solo produce isolamento, ma logora profondamente l’uguaglianza di fronte ad altri diritti. Chi non accede, o accede con poca qualità, si trova in una situazione di grave e ingiusta inferiorità. Il divario digitale è un problema che ha conseguenze molto gravi come le ebbe l’analfabetismo. L’accesso a internet dovrebbe essere considerato come un nuovo diritto umano. Credo che Internet debba diventare un servizio pubblico“, ha aggiunto Sassoli.


Tag: David SassoliUe