Meloni: “Con l’Albania un accordo di grande respiro europeo”

La premier, che considera l’accordo con l’Albania un investimento, ha detto che: “Il complesso dei due centri sarà operativo dal primo agosto”

Durante le dichiarazioni congiunte con il primo ministro albanese, Edi Rama, successive alla visita all’hotspot per migranti a Shengjin, in Albania, la premier Giorgia Meloni ha commentato l’accordo sui migranti stretto da Italia e Albania. “Italia e Albania sono storicamente nazioni amiche, che sono abituate a collaborare insieme e io voglio ringraziare ancora una volta il primo ministro Rama e il popolo albanese per aver offerto il loro aiuto e aver stretto con noi un accordo di grande respiro europeo”.

Meloni: “I due centri in Albania operativi dal primo agosto”

La premier ha poi annunciato che “il complesso dei due centri sarà operativo dal primo agosto 2024. Ci sono state delle polemiche su un presunto ritardo, provenienti anche da diversi parlamentari dell’opposizione. Il che è curioso: prima ci accusano di voler creare Guantanámo e poi si lamentano dei suoi tempi di costruzione”.

“In Albania un investimento per contenere i costi dei migranti”

“Non stiamo spendendo risorse aggiuntive ma stiamo facendo un investimento”, ha poi precisato Meloni. Il protocollo prevede spese da “670 milioni di euro per 5 anni, 134 milioni all’anno” che, ha aggiunto, “corrispondono al 7,5% delle spese connesse all’accoglienza dei migranti sul territorio nazionale: queste risorse non sono da considerare un costo aggiuntivo. I migranti condotti qui in Albania avrebbero comunque dovuto essere condotti in Italia, dove costano. L’elemento di maggiore utilità di questo progetto è che può rappresentare uno straordinario strumento di deterrenza a chi vuole raggiungere irregolarmente l’Europa e di contrasto ai trafficanti. E questo vuol dire portare anche a un contenimento dei costi. Nei primi cinque mesi di quest’anno i flussi dei migranti illegali sbarcati in Italia sono diminuiti di quasi il 60% e quindi c’è già stato un contenimento dei costi. Con la deterrenza rappresentata anche da questo progetto prevediamo di abbattere ancora di più le spese. Stiamo facendo un investimento”, ha concluso Meloni.

Impostazioni privacy