Gualtieri sul Mes: “Riforma del trattato è distinta da suo utilizzo”

Gualtieri, ministro dell'Economia, parla prima dell'incontro con l'Eurogruppo: "Ogni decisione dovrà essere condivisa dalla maggioranza di Governo"

newsby Redazione30 Novembre 2020



Le decisioni che verranno prese oggi dall’Eurogruppo sulla riforma del Meccanismo europeo di stabilitànon investono in alcun modo l’utilizzo del Mes. La riforma è cosa distinta dalla scelta se usare o meno il Mes sanitario. Su questo esistono posizioni diverse nel Parlamento e nella stessa maggioranza. Ogni decisione dovrà essere condivisa dall’intera maggioranza e approvata dal Parlamento“. Lo ha ribadito il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, in un’audizione congiunta davanti a sei commissioni di Camera e Senato.

Gualtieri: cosa balla sulla riforma del Mes

Un aspetto che credo sia importante chiarire sin d’ora è che le decisioni di questo pomeriggio su questo processo riguardano un periodo esteso fino al 27 gennaio. Poi i processi di ratifica potrebbero avvenire fino alla fine del 2021 – ha aggiunto Gualtieri –. Ma tutto questo processo riguarda unicamente la riforma del Mes e l’introduzione anticipata del Common Backstop. Questo si aggiunge alla decisione sulla valutazione dello stato di salute e di rischio attuale delle banche europee“.

Gualtieri è tornato quindi a porre l’accento su una questione che ha diviso l’opinione pubblica: “Vorrei sottolineare con forza che tutte queste decisioni non investono in alcun modo l’utilizzo del Mes. Perché la riforma del Mes è cosa distinta dalla scelta sull’utilizzo o meno del Mes sanitario da parte dell’Italia. Su tale questione, come è noto, esistono posizioni diverse nel Parlamento e nella stessa maggioranza. E come il governo ha sempre detto, ogni decisione a questo riguardo dovrà essere condivisa dall’intera maggioranza e approvata dal Parlamento“.

Verso il decreto Ristori quater

Anche grazie al confronto con il Parlamento, ampliamo ulteriormente la platea delle attività oggetto dei contributi a fondo perduto con l’ingresso di diverse categorie di agenti e rappresentanti di commercio“, ha spiegato ancora Gualtieri.

Il tema è il decreto Ristori quater, approvato dal Consiglio dei ministri e che prevede la possibilità di “esonero totale o parziale dalla ripresa dei versamenti fiscali e contributivi“. La misura potrà essere applicata a chi abbia subito una “significativa perdita di fatturato” a causa del Covid-19. Altro argomento molto caldo in queste settimane di fine anno, e al centro dell’attenzione del ministro Gualtieri.


Tag: MESRoberto Gualtieri