Sergey Kolotsey, identificato il primo presunto “macellaio” di Bucha

L’annuncio della procuratrice generale ucraina, Iryna Venediktova, che indaga sui crimini di guerra russi a Bucha. Ecco chi è il primo sospettato e quali sono le accuse

Sergey Kolotsey Bucha
Foto Twitter | @VenediktovaIV
newsby Alessandro Boldrini2 Maggio 2022


Ha un nome il primo “macellaio” russo sospettato per i massacri di Bucha. La cittadina dell’oblast’ di Kiev è tristemente nota come uno degli scenari più cruenti del conflitto in corso in Ucraina; nonché teatro, secondo le accuse, di veri e propri crimini di guerra da parte dell’esercito di Mosca.

Dopo il ritiro delle forze russe, a Bucha sono stati ritrovati i corpi di centinaia di civili abbandonati per strada o all’interno di abitazioni private, mentre altri ancora giacevano in fosse comuni. Le immagini mostrano anche cadaveri rinvenuti con le mani legate dietro alla schiena oppure bloccate con uno straccio bianco, simbolo di resa. Kiev ha fin da subito attribuito la paternità di questi orrori alle forze armate di Mosca, accusando la Russia di crimini contro l’umanità. E ora avrebbe perfino individuato uno dei responsabili: vediamo di chi si tratta.

Bucha, identificato uno dei presunti “macellai” russi: è un comandante della Guardia nazionale

Il Cremlino, di contro, ha sempre respinto con fermezza le accuse dell’Ucraina, affermando che il massacro sarebbe avvenuto dopo il ritiro dell’esercito russo. Tuttavia, alcune prove – come le immagini satellitari diffuse dai media internazionali – certificano l’esatto opposto: ovvero che le violenze sono avvenute quando la città era ancora sotto il controllo dei militari di Mosca.

Sergey Kolotsey Bucha
Foto Twitter | @VenediktovaIV

Ad annunciare l’identificazione di un primo sospettato per il massacro di Bucha è stata la procuratrice generale Iryna Venediktova. Si tratta di Sergey Kolotsey, comandante di un’unità della Guardia nazionale russa. Secondo le accuse, avrebbe ucciso quattro uomini disarmati il 18 marzo e avrebbe torturato un civile il 29 marzo. Infine, dopo le atrocità, avrebbe spedito i beni saccheggiati in Ucraina ai parenti a Ulyanovsk, in Russia.

LEGGI ANCHE: L’Ucraina crea un archivio dei crimini di guerra russi

L’ufficio del procuratore generale ucraino, su Telegram, ha poi aggiunto che Kolotsey “ha costretto un’altra vittima a confessare attività sovversive contro l’esercito russo. Per fare questo ha picchiato l’uomo, in particolare con il manico del fucile. Fingendo un’esecuzione ha sparato vicino all’orecchio di un civile disarmato – si legge –. Sono in corso verifiche per stabilire se è responsabile di altri crimini”.


Tag: BuchaIryna VenediktovaRussiaSergey KolotseyUcraina