Nuova Zelanda, un esempio per il mondo intero: cosa ha fatto nel 2021

Dall'aumento del salario minimo alla tassazione dei ricchi, il primo ministro Jacinda Ardern ha implementato ampie riforme che puntano a migliorare il Paese

Nuova Zelanda, un esempio per il mondo intero: che cosa ha fatto nel 2021
Foto Wikimedia Commons
newsby Linda Pedraglio17 Dicembre 2021


Il primo ministro Jacinda Ardern è stata elogiata in tutto il mondo per la sua risposta decisiva alla pandemia di COVID-19. Tuttavia, quest’anno la sua amministrazione ha affrontato molto di più della pandemia. Dall’aumento del salario minimo alla tassazione dei ricchi, Ardern ha implementato ampie riforme che mirano a migliorare la qualità della vita in Nuova Zelanda. Ha inoltre compiuto enormi passi avanti per sostenere i gruppi vulnerabili nella sua nazione. Di seguito, le cinque cose che la Nuova Zelanda e il governo di Jacinda Ardern hanno fatto bene nel 2021.

Ha alzato il salario minimo a 20 dollari per ora

Il Primo Ministro Jacinda Ardern ha alzato gradualmente il salario minimo nell’arco di quattro anni per un aumento totale di 4.25 dollari l’ora. Il governo stima che l’aumento del salario minimo interesserà fino a 175.500 lavoratori e aumenterà i salari in tutta l’economia di 216 milioni di dollari. I dati dell’OCSE mostrano che il precedente salario minimo della Nuova Zelanda, a partire dal 2019, era già tra i primi cinque più alti al mondo. Durante la pandemia di Covid, molti dei lavoratori essenziali del paese hanno ottenuto un salario minimo, compresi quelli che lavorano in aeroporto e nei lavori di frontiera, in prima linea contro il virus.

Ha aumentato le tasse sui ricchi

La Nuova Zelanda ha aumentato l‘aliquota fiscale massima per i più alti guadagni del paese al 39%. Le modifiche sono state introdotte a marzo 2021, insieme a piccoli aumenti delle indennità di disoccupazione e malattia. La nuova aliquota massima si applica a chiunque guadagni più di  180.000 dollari all’anno, circa il 2% dei neozelandesi. Il governo stima che quest’anno genererà ulteriori 550 milioni di dollari di entrate.

Bandirà gradualmente la vendita di sigarette

La Nuova Zelanda ha annunciato che metterà al bando il fumo per la prossima generazione. Tutti coloro che hanno meno di 14 anni non saranno mai legalmente in grado di acquistare tabacco. Con la nuova legislazione l’età legale del fumo aumenterà ogni anno, al fine di creare una generazione di neozelandesi senza fumo. “Questo è un giorno storico per la salute della nostra gente”, ha detto la ministra della Salute, la dottoressa Ayesha Verrall. L’obiettivo del governo è di rendere il paese completamente libero dal fumo entro i prossimi quattro anni.

Ha stabilito un periodo di retribuzione per aborti spontanei e nati morti

Il parlamento neozelandese ha votato all’unanimità per concedere alle madri e ai loro partner tre giorni di congedo per lutto dopo un aborto spontaneo o un parto morto. La deputata laburista Ginny Andersen ha affermato che la legge consentirà ai genitori di accettare la loro perdita senza essere costretti a utilizzare i loro diritti di congedo per malattia. “Il dolore che deriva dall’aborto spontaneo non è una malattia; è una perdita“, ha detto. “Quella perdita richiede tempo: tempo per riprendersi fisicamente e tempo per riprendersi mentalmente; tempo per riprendersi con un partner“, ha spiegato Andersen.

Ha creato una festa nazionale per i Maori

Il primo ministro della Nuova Zelanda, Jacinda Ardern, ha mantenuto la sua promessa elettorale di rendere la celebrazione del capodanno Maori Matariki un giorno festivo, il primo giorno ufficiale per celebrare i Maori nel mondo. Ardern ha confermato la vacanza l’anno prossimo durante un suo discorso a inizio febbraio. “Matariki è una celebrazione unicamente Māori e quindi con sede in Nuova Zelanda”, ha detto Ardern. Il governo spera anche che una nuova vacanza aiuti a dare impulso al settore del turismo incoraggiando i viaggi nazionali durante l’inverno.


Tag: Jacinda ArdernNuova Zelanda