Meghan Markle riceverà solo £ 1 dal Mail on Sunday per violazione della privacy

Il Mail on Sunday pagherà anche una somma non specificata per violazione del copyright per aver pubblicato gran parte della lettera che Meghan Markle ha scritto al padre

Meghan Markle vincerà soltanto £ 1 dal Mail on Sunday
newsby Linda Pedraglio5 Gennaio 2022


Il Mail on Sunday pagherà a Meghan Markle solo £ 1 di danni per aver invaso la sua privacy pubblicando una lettera privata che aveva inviato a suo padre. Il risarcimento simbolico è stabilito negli atti del tribunale. Essi confermano anche formalmente che il giornale e il suo sito gemello, il Mail Online, hanno accettato la sconfitta e non porteranno il caso alla corte suprema. L’agenzia pagherà anche una somma non specificata per il caso di violazione del copyright della duchessa di Sussex per aver pubblicato gran parte della lettera.

Meghan Markle riceverà solo £ 1 dal Mail on Sunday

L’avvocato Mark Stephens ha affermato che l’accordo nominale in merito alla violazione della privacy suggerisce un punto debole nel caso. “Normalmente per quel tipo di invasione della privacy ci si aspetterebbe da £ 75.000 a £ 125.000. Questo dimostra che la sua reputazione era un’area in cui la stessa duchessa aveva effettivamente invaso la sua privacy“, spiega l’avvocato.

L’editore del giornale ha anche accettato di pagare una somma riservata a titolo di risarcimento danni per violazione del copyright. A ciò si aggiungono le spese legali di Meghan, che potrebbero ammontare a circa 1 milione di sterline. La duchessa ha sempre detto che la sua battaglia legale di tre anni contro Associated Newspapers, l’editore del Mail on Sunday e il sito gemello MailOnline, era più basata sui principi che sul denaro.

L’ammissione di colpevolezza nel giorno di Santo Stefano

Il suo portavoce ha affermato che le vittorie in tribunale hanno dimostrato la forza di entrambe le affermazioni. Ha inoltre aggiunto che il risarcimento sostanziale sarà devoluto in beneficenza. Come parte dell’accordo giudiziario, è stato anche ordinato di evitare di rivelare i nomi di cinque amici di Meghan che hanno parlato anonimamente alla rivista People per un articolo del 2018 sulla duchessa. Al Mail on Sunday e al MailOnline è stato  anche ordinato di riportare in prima pagina e nella homepage la notizia di aver perso la causa legale. Le testate hanno scelto di farlo nel giorno di Santo Stefano , uno dei giorni più tranquilli dell’anno.

“Erano contenuti personali, privati e non di interesse pubblico”

Associated Newspapers aveva sostenuto che il caso di Meghan avrebbe dovuto essere processato, ma i giudici hanno concluso diversamente.  Una sentenza all’inizio di dicembre ha affermato che la duchessa aveva una ragionevole aspettativa” di privacy per quanto riguarda il contenuto della lettera a suo padre, Thomas Markle. “Quei contenuti erano personali, privati ​​e non di interesse pubblico legittimo“, ha affermato il giudice d’appello Sir Geoffrey Vos. Meghan ha celebrato la vittoria chiedendo un rimodellamento dell’industria dei tabloid e ha parlato di quanto fosse stata paziente di fronte a “inganni, intimidazioni e attacchi calcolati“.

Come finirà la battaglia legale dei Sussex contro i media

All’epoca Associated Newspapers ha affermato di essere disposta a portare il caso davanti alla corte suprema, ma questa si è rivelata una minaccia vuota. È probabile che l’attenzione si rivolga ora alle azioni del principe Harry, che sta intentando una contro il News UK di Rupert Murdoch e il Daily Mirror Reach per accuse di hacking telefonico. Quale sarà la prossima massa della strenua battaglia contro i media?


Tag: Mail on SundayMeghan MarklePrincipe Harry