Gli americani hanno capito che la disinformazione è un problema

Il 95% degli americani concorda sul fatto che la disinformazione dilagante sia un problema, incolpando soprattutto Governo e social network

disinformazione fake news disegno
Foto Unsplash by visuals
newsby Redazione8 Ottobre 2021


Negli ultimi 18 mesi, in particolare, abbiamo visto come la disinformazione intorno ai più disparati temi, dalla pandemia ai vaccini, e le fake news, siano dilagate, soprattutto sui social. Secondo un sondaggio, condotto su 1.071 soggetti, del Pearson Institute e dell’Associated Press-NORC Certer for Public Affairs Research, quasi tutti gli americani concordano sul fatto che la diffusione dilagante della disinformazione sia un problema.

Gli americani “puntano il dito” contro il governo e i social network

La maggior parte di loro, infatti, pensa che i social media, e le persone che li usano, abbiano una buona dose di colpa in questa situazione. Secondo il sondaggio, però, pochi di loro sono preoccupati di poter essere a loro volta dei responsabili della questione.

Il 95% degli americani ha identificato la disinformazione come un problema, soprattutto quando cercano di accedere a informazioni importanti. Circa la metà degli intervistati dà la colpa al Governo americano. Circa tre quarti, invece, trova nei colpevoli i social network e le aziende tecnologiche. Eppure, secondo quanto emerso dal sondaggio, solo due americani su dieci dicono di essere preoccupati di aver diffuso personalmente delle fake news. E ancora: circa 6 su dieci pensano che un loro amico o familiare facciano parte del problema.

Il sondaggio, inoltre, ha evidenziato come il 61% dei repubblicani sia convinto che il Governo americano abbia molte responsabilità nella diffusione di notizie false. Un dato che scende al 38% quando si parla di democratici.  Per quanto riguarda invece i social network, il 79% dei repubblicani e il 73% dei democratici sostengono che questi abbiano molta o abbastanza responsabilità quando si parla di disinformazione.

Disinformazione, il 53% degli americani è convinto di non aver diffuso fake news

Per quanto riguarda l'”autoanalisi” da parte degli intervistati, dal sondaggio è emerso che il 53% degli intervistati è convinto di non aver diffuso fake news. Quindi, non si sentono implicati in quella disinformazione dilagante su cui la quasi totalità degli americani si trova d’accordo.

Infine, i giovani sono quelli che tendono ad essere maggiormente preoccupati di aver condiviso fake news con familiari e amici. Inoltre, il 25% degli intervistati tra i 18 e i 29 anni sostiene di essere molto o estremamente preoccupato di aver diffuso informazioni errate. Un dato che cala drasticamente se si guarda alla fascia d’età dai 60 anni in su, dove si parla del 14%. Infine, per quanto riguarda gli anziani, il 63% dice di non essere assolutamente preoccupato di aver diffuso informazioni errate online o nella sua cerchia di conoscenze.


Tag: americadisinformazioneFake News