La Ferrari 308 di Magnum PI diventa elettrica

Un appassionato inglese ha elettrificato la sua Ferrari 308 GTB, l’auto diventata famosa grazie alla serie Magnum P.I. Al posto del V8 troviamo un motore Tesla

Ferrari 308 GTS
Ferrari 308 GTS
newsby Emiliano Ragoni27 Luglio 2020


Immaginate di prendere una Ferrari 308, la sportiva a 2 posti costruita dal Cavallino Rampante dal 1975 al 1985 nella versione GTB (Gran Turismo Berlinetta) e GTS (Gran Turismo Scoperta), togliere il V8 da 3 litri e metterci al suo posto il motore elettrico della Tesla. No, non è un esperimento, è successo davvero. L’autore di quello che per molti appassionati potrebbe configurarsi come un vero e proprio sacrilegio è un inglese che ha appunto deciso di far sostituire l’iconico V8, in grado di sprigionare  un altrettanto caratteristico suono, con il powertrain a emissioni zero della casa americana. Il tutto è raccontato in video dal canale YouTube Number 27.

Ferrari 308: l’auto di Magnum PI

La Ferrari 308 è diventata famosa per essere stata l’auto guidata dall’investigatore impersonato da Tom Selleck in Magnum PI. Non si tratta di certo della Ferrari più riuscita o di quella più prestazionale (aveva 255 cavalli) e affidabile, ma l’essere stata l’auto di una serie televisiva di successo, congiuntamente al sound inconfondibilmente rauco, ha contribuito a renderla iconica.

La 308 GTS di cui stiamo parlando si configura come un’operazione di restomod, ossia un restauro completato con delle modifiche e con componenti moderni su una base di vettura classica.

Ferrari 308, con il motore Tesla la potenza raddoppia

La Ferrari elettrificata può contare su 500 cavalli. Una potenza che le permette di coprire lo 0-100 in meno di 5″ (abbassando così di 2 secondi il tempo dell’endotermica). Il motore elettrico è alimentato da un pacco batterie da 45 kWh posizionato nel cofano anteriore. Una soluzione che ha consentito di abbassare il baricentro e ripartire meglio i pesi (prossima a 50:50).

La transizione elettrica gli ha consentito inoltre di guadagnare in affidabilità, che non era certo il punto di forza dell’originale endotermica; il proprietario infatti afferma di utilizzarla senza problemi tutti i giorni.

Quella compiuta dall’appassionato inglese non è certo la prima operazione del genere, sono infatti molti i progetti di restomod ben riusciti. Certo, sentire la 308 GTS emettere un sibilo al posto del rombo del V8 fa sempre uno strano effetto.


Tag: FerrariNew Mobility