Tabaccai, sciopero imminente: con obbligo Green Pass minacciano chiusura

"Capiamo importanza Green Pass, ma siamo negozi di vicinato e offriamo servizi essenziali, come pagare bollette e comprare biglietti", spiegano i tabaccai

Roma, scatta il Super Green Pass per le attività: la rabbia dei commercianti
newsby Marco Enzo Venturini25 Gennaio 2022


I tabaccai annunciano un imminente sciopero, che potrebbe concretizzarsi a partire dal 1° febbraio. La causa riguarda l’obbligo di esibire il Green Pass per entrare all’interno delle strutture. E questo potrebbe scatenare svariati disagi ai cittadini.

Tabaccai: i motivi della protesta

L’annuncio, come spiegato dall’agenzia Agi, arriva dalla Giunta nazionale della Federazione Italiana Tabaccai. “Abbiamo avviato una trattativa con il Governo – ha spiegato il presidente nazionale della Federazione, Giovanni Risso e a breve incontreremo il sottosegretario alla salute Andrea Costa che ha mostrato attenzione alle nostre rivendicazioni“. Se il governo non darà ascolto, lo scioperosarà inevitabile“.

Capiamo l’importanza del Green Pass come ostacolo al diffondersi dei contagi e, soprattutto, come stimolo alla vaccinazione anche per i più recalcitranti – ha spiegato il rappresentante dei tabaccai –. Non ne facciamo quindi una questione di principio ma di buonsenso. Perché in tabaccheria entrano 13 milioni di italiani al giorno non solo per comprare le sigarette ma, soprattutto, per pagare le bollette, ritirare un pacco o comprare i biglietti dei bus locali“.

Il numero degli esercizi in Italia e il loro ruolo

Le tabaccherie sono negozi di vicinato – si sottolinea ancora –, presidiano il territorio su cui sono storicamente radicate ed i tabaccai tutti hanno assicurato, pur nell’infuriare della pandemia, durante il lockdown, servizi essenziali per tutti i cittadini. Un impegno, il nostro, che ora viene disconosciuto. Ma non ci stiamo, il nostro lavoro, il nostro senso di responsabilità devono essere tenuti in considerazione. Lo ribadiremo con assoluta determinazione al sottosegretario alla Salute, Andrea Costa che, ci auguriamo, comprenderà le nostre ragioni“.

Le tabaccherie in Italia sono oltre 50 mila, e danno lavoro a più di 140 mila addetti. L’ultimo Dpcm, che entrerà in vigore dal 1° febbraio, non ha incluso i tabaccai tra le “attività di prima necessità“, dove quindi è possibile recarsi anche senza esporre il Green Pass.


Tag: Federazione Italiana TabaccaiGreen passScioperoTabaccherie