Lagarde, prospettive Eurozona:
“Pil rischia il crollo, l’Euro no”

Le parole lucide e severe della presidente della Bce: "Scenario leggero superato, sarà medio o severo". Ma Lagarde non è preoccupata per la moneta unica

La Banca centrale europea aumenta il piano pandemico di 500 miliardi
La Banca centrale europea aumenta il piano pandemico di 500 miliardi
newsby Marco Enzo Venturini27 Maggio 2020


L’intera Eurozona dovrà affrontare un importante crollo del Pil nel corso del 2020, con le previsioni che sono già arrivate e sembrano sempre più all’insegna del pessimismo. Non si nasconde da questo punto di vista Christine Lagarde: la presidente della Banca Centrale Europea è infatti intervenuta agli “Youth Dialogue” online dell’European Youth Event 2020. E le sue parole sono tanto chiare quanto severe.

Crisi Eurozona “tra media e severa”

La Bce ha lavorato in base a scenari, ipotesi – ha evidenziato –. Siamo arrivati a tre diverse direzioni. Quella leggera, che prevedeva un calo del Pil dell’Eurozona del 5% nel 2020, ma secondo me è già superata. Ci sono poi quella media (-8%) e quella severa (-12%)“. E la Lagarde, con lucidità ma senza girare intorno al problema, prova a inquadrare la situazione che ci si potrebbe attendere nel prosieguo dell’anno.

“È molto probabile che lo scenario leggero sia superato. Ed è possibile, anche se non lo sappiamo ancora per certo, ma è probabile che saremo tra lo scenario medio e quello severo“, la sua previsione. Del resto il Coronavirus “ha provocato una crisi economica massiccia con effetti duraturi” a causa dello “stop improvviso dell’attività economica“, ha spiegato ancora la Lagarde.

Lagarde tra debito e solidità dell’Euro

La presidente della Bce con altrettanta lucidità afferma di essere certa che questi mesi di crisi comunque profonda non intaccheranno la solidità dell’Euro. E il motivo è da ricondurre all’aumento del debito pubblico che non riguarda solo il nostro continente, ma in generale tutte le principali economie a livello globale. “I debiti dei Paesi dell’Eurozona al momento non ci preoccupano – ha infatti affermato la Lagarde –. E sicuramente no, non ci sarà nessuna crisi dell’Euro. I debiti pubblici dei Paesi membri sono più alti, ma stanno aumentando in tutto il mondo. In un contesto del genere, aumentare i debiti è stata la cosa giusta da fare“.


Tag: Banca Centrale EuropeaChristine Lagarde