Elon Musk pronto a 6 miliardi di dollari all’Onu, ma a una condizione

Il 2% della ricchezza di Elon Musk potrebbe aiutare a risolvere il problema della fame nel mondo: ecco la risposta del fondatore di Tesla

Elon Musk ‘inchiodato’ dal sondaggio su Twitter: venderà il 10% di Tesla
Elon Musk. Foto Wikimedia Commons
newsby Linda Pedraglio2 Novembre 2021


Elon Musk, l’uomo più ricco del mondo con un patrimonio di oltre 300 miliardi di dollari, è pronto a donare 6 miliardi di dollari per aiutare a sconfiggere la fame nel mondo, ma a una condizione.  L’Onu deve mostrare dove vanno a finire i fondi e deve dimostrare che la cifra può risolvere il problema.

Il 2% del patrimonio di Elon Musk per risolvere la fame nel mondo

Qualche giorno fa, Elon Musk è tornato a essere l’uomo più ricco del mondo, strappando nuovamente il primato al miliardario fondatore di Amazon, Jeff Bezos. Musk e Bezos si contendono il titolo di più ricco del mondo, ormai da qualche anno, a seconda di come oscillano le azioni della loro società. Il direttore del programma alimentare Onu ha colto l’occasione per scrivere un tweet e ricordare a Elon Musk le responsabilità dei super ricchi.

36 miliardi di dollari in un giorno. Congratulazioni, Elon! 1/6 del tuo aumento di un giorno salverebbe 42 milioni di vite che bussano alla porta della carestia. Crisi senza precedenti. Ricchezza senza precedenti. Aiuto!!“. Questo il tweet del direttore Onu, David Beasley, che ha interpellato il fondatore di Tesla, sottolineando le gravi condizioni in cui versano 42 milioni di persone nel mondo.

Elon Musk all’Onu: “Pronto a donare, ma una condizione”

Ma la risposta del fondatore di Tesla non ha tardato ad arrivare. Egli ha risposto con grande scaltrezza, ponendo a sua volta una domanda al direttore dell’Onu: come si risolve la fame nel mondo? Elon Musk dice pronto a vendere le azioni Tesla e a donare i proventi, se le Nazioni Unite dimostreranno, attraverso operazioni trasparenti, che solo una piccola percentuale della sua ricchezza possa risolvere la crisi della fame nel mondo.

Alla provocazione del fondatore di Tesla, il direttore dell’Onu David Beasley ha ribattuto, dopo poche ore, con un altro tweet. “Posso assicurarti che disponiamo di sistemi per la trasparenza e la contabilità open source. Il tuo team può rivedere e lavorare con noi per essere totalmente sicuro di ciò“, ha twittato Beasley, sottolineando che non bastano 6 miliardi di dollari per risolvere la fame nel mondo. “Questa è una donazione una tantum per salvare 42 milioni di vite durante questa crisi senza precedenti“, ha ribadito il direttore del programma alimentare Onu.

Il fondatore di Space X potrebbe diventare il primo trilionario della storia

Elon Musk è attualmente l’uomo più ricco del mondo, ma continua a guadagnare. Dall’inizio del 2021,  si sarebbe arricchito di circa 119 miliardi di dollari, arrivando a quota 287 miliardi di dollari, con un vantaggio di quasi 100 miliardi di dollari su Jeff Bezos. Soltanto il 25 ottobre, Musk ha guadagnato ben 36 miliardi con le azioni di Tesla. E non è tutto. Elon Musk potrebbe diventare il primo trilionario della storia dell’umanità, stando alle previsione di Morgan Stanley. Secondo la società finanziaria, la crescita esponenziale del patrimonio dell’imprenditore sarà imputata non a Tesla, bensì alla più società spaziale SpaceX.

 

 

 

 


Tag: David BeasleyElon MuskJeff BezosOnuSpace XTesla