Steve McCurry per l’Afghanistan: in vendita una sua famosa fotografia

Il fotografo di fama mondiale vende le sue opere online per sostenere i centri di Emergency in Afghanistan

Chi è Steve McCurry, il fotografo che ha immortalato il dramma afghano
Creative Commons Attribution 2.0 Generic
newsby Linda Pedraglio27 Agosto 2021


Fotografo di fama mondiale, testimone del dramma afghano, nonché autore di uno degli scatti più famosi di sempre, “La ragazza dagli occhi verdi“, Steve McCurry si è recato in Afghanistan più e più volte negli ultimi quarant’anni. Attraverso il suo obiettivo ha immortalato la violenza, i soprusi e la miseria che hanno schiacciato il popolo afghano. Da quando i talebani sono entrati a Kabul, il profilo del fotografo si è popolato di immagini. Fotografie scattate durante i suoi lunghi viaggi in Afghanistan, potenti, magnetiche e indimenticabili. McCurry ne ha raccolte alcune e, insieme ad altri fotografi pluripremiati, ha dato vita a un archivio straordinario per sostenere i centri di Emergency in Afghanistan.

Come sostenere l’Afghanistan acquistando una stampa

Il costo di ogni stampa ammonta a 75 dollari e tutti i profitti delle vendite saranno devoluti ai centri dell’organizzazione fondata da Gino Strada. Serviranno a finanziare la formazione specialistica di infermieri e medici locali che andranno a curare migliaia di pazienti bisognosi in tutto il paese. Le stampe saranno disponibili fino al 15 settembre 2021, anche se, alla luce dei recenti fatti di Kabul, non si esclude un prolungamento dell’iniziativa.

L’Afghanistan attraverso gli occhi di Steve McCurry

Le istantanee di Steve McCurry ci raccontano le ferite di una terra segnata dalle guerre, i volti sciupati dai soprusi e delle violente repressioni sotto il regime talebano. Ma anche la bellezza struggente di un Afghanistan baciato da una luce calda, uno spiraglio di luce che squarcia l’oscurità in cui è sprofondata Kabul. Il volto di questo progetto per l’Afghanistan è rappresentato da uno scatto di McCurry dal titolo “Uomo in piedi in mezzo a uno stormo di colombe alla moschea di Hazrat“. La leggenda narra che le colombe siano di un bianco candido a causa della santità del santuario. “E che se una colomba con una macchiolina di colore vola dentro e rimane, anch’essa diventerà bianca come la neve“, racconta McCurry.

 

 

I mille volti del popolo afghano: le opere in vendita

Ma, sfogliando l’archivio di Emergency, si possono scorgere i mille volti dell’Afghanistan. Ogni volta, raccontato da diverse prospettive, attraverso gli obiettivi di fotografi eccezionali, ognuno con uno sguardo unico e inconfondibile. Dalla fotografa azera Rena Effendi, al premio Pulitzer Lorenzo Tugnoli, alla iraniana Solmaz Daryani, sino a Matthieu Paley, fotografo della National Geographic. Ognuno di loro ci svela un lato in ombra della terra afghana, un dettaglio, un volto, un paesaggio, che ci raccontano la loro storia con la forza di una sola e potente immagine.


Tag: AfghanistanFotografiaKabulSteve McCurry