Maturità 2022, chi deve presentare la domanda entro il 6 dicembre 2021

I candidati interni, esterni e i detenuti avranno tempo fino a lunedì 6 dicembre per sottoscrivere l'iscrizione all'esame di Maturità 2022

Maturità iscrizioni
newsby Linda Pedraglio2 Dicembre 2021


Il 6 dicembre scade il termine per la presentazione delle domande per partecipare agli esami di Stato di II grado 2022. I candidati interni, esterni e i detenuti dovranno sottoscrivere l’iscrizione alla Maturità entro lunedì 6 dicembre. Avranno tempo fino al 31 gennaio gli studenti della penultima classe per abbreviazione per merito.

Esame di Maturità, domande entro il 6 dicembre

Per sottoscrivere la domanda di partecipazione all’esame di Stato 2022, è necessario versare una quota di iscrizione. I candidati interni devono presentare la propria domanda di ammissione all’esame di Stato al dirigente scolastico o al coordinatore didattico dell’istituzione scolastica frequentata. I candidati esterni, invece, devono presentare la loro domanda di ammissione all’esame di Stato all’ufficio scolastico regionale di riferimento, attraverso la sezione appositamente dedicata all’interno del portale messo a disposizione dal Ministero dell’Istruzione. Per finalizzare la procedura bisogna accedere tramite utenza SPID/CIE/IDAS.  responsabilità genitoriale.

Tassa Maturità, a quanto ammonta e come pagare

In merito ai pagamenti, i candidati interni dovranno versare la tassa di iscrizione alla scuola al momento della presentazione della domanda. I candidati esterni, invece, dovranno effettuare il versamento sempre in occasione della presentazione della domanda ma attraverso il sistema “Pago in Rete” o tramite bollettino postale. L’importo è di 12.09 euro e non rateizzabile. La tassa di diploma deve essere corrisposta in unica soluzione, al momento della consegna del titolo di studio. L’importo è di 15,13 euro, per il rilascio del diploma di maturità delle scuole superiori e per quello dei conservatori di musica.

Chi ha diritto all’esonero delle tasse scolastiche

L’esonero dal pagamento delle tasse scolastiche può essere riconosciuto per merito, per motivi economici e per appartenenza a speciali categorie di beneficiari. L’esonero vale per tutte le tasse scolastiche, inclusa quella di Maturità. Per ottenere l’esonero dal pagamento delle tasse scolastiche è necessario aver ottenuto un voto di comportamento non inferiore a otto decimi. Hanno diritto all’esonero totale anche gli studenti del quarto e del quinto anno dell’istruzione secondaria di secondo grado, appartenenti a nuclei familiari il cui lSEE è pari o inferiore a € 20.000,00. Non possono ottenere l’esonero gli studenti che abbiano ricevuto una sanzione disciplinare superiore a 5  giorni di sospensione, nonché per i ripetenti.

Sono esenti dalle tasse i candidati che rientrino in una delle seguenti categorie:

a) orfani di guerra, di caduti per la lotta di liberazione, di civili caduti per fatti di guerra, di caduti per causa di servizio o di lavoro;

b) figli di mutilati o invalidi di guerra o per la lotta di liberazione, di militari dichiarati dispersi, di mutilati o di invalidi civili per fatti di guerra, di mutilati o invalidi per causa di servizio o di lavoro;

c) ciechi civili. L’esonero è concesso inoltre a coloro che siano essi stessi mutilati od invalidi di guerra o per la lotta di liberazione, mutilati od invalidi civili per fatti di guerra, mutilati od invalidi per causa di servizio o di lavoro.

 


Tag: Esame di statoMaturitàScuola