Vaccino: dove si può prenotare con Poste Italiane (e come funziona)

Vaccino che in cinque Regioni italiane è prenotabile su una piattaforma online, ma anche allo sportello o addirittura con l'aiuto del postino: ecco come fare

Poste Italiane
Poste Italiane
newsby Marco Enzo Venturini25 Marzo 2021


Una decisione già adottata in Abruzzo, Marche, Basilicata, Calabria e Sicilia, Regioni alle quali potrebbe presto aggiungersi anche la Lombardia. Si tratta della prenotazione del vaccino tramite la piattaforma elaborata da Poste Italiane. Il quotidiano milanese ‘Il Giorno’ spiega infatti che i disservizi nella campagna vaccinale che hanno portato all’azzeramento dei vertici di Aria potrebbero avere proprio questa conseguenza.

Prenotazione con Poste Italiane: come funziona

Spieghiamo quindi come funziona la prenotazione del vaccino tramite Poste Italiane. I cittadini possono procedere online, grazie alle informazioni disponibili sul sito attivato dal governo per la campagna vaccinale. Esiste poi un numero verde, attivo dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 18, telefonando all’800.009.966. Il terzo metodo prevede di recarsi fisicamente a uno sportello Atm Postamat e seguire le istruzioni sul monitor dopo aver inserito la propria tessera sanitaria. Infine si può chiedere aiuto al proprio postino. La prenotazione è infatti ultimabile anche con i palmari in dotazione ai dipendenti postali.

Se le cinque Regioni sopra menzionate (Abruzzo, Marche, Basilicata, Calabria e Sicilia) hanno il servizio già attivo, la Lombardia potrebbe accelerare i tempi in queste settimane. L’agenzia ‘Dire’ spiega infatti che la possibilità di prenotare il vaccino tramite Poste Italiane potrebbe essere attivata entro inizio aprile.

I propri dati e il centro di somministrazione del vaccino

A quel punto, completare la prenotazione potrebbe diventare estremamente facile. La piattaforma di Poste Italiane infatti permette di inserire il proprio nominativo allegando semplicemente i propri dati anagrafici e la propria tessera sanitaria. Quindi se in Lombardia si procedesse allo stesso modo (come è facile immaginare), sarà necessaria la Carta regionale dei servizi.

Ultimo aspetto, non meno rilevante, è quello sul luogo fisico in cui sarà somministrato il vaccino al cittadino che si è prenotato. Il sistema permette infatti di scegliere il più vicino tra i centri di vaccinazione attualmente disponibili sul territorio regionale. Il passo successivo consente quindi di determinare l’appuntamento, giorno e ora, per la somministrazione.


Tag: campagna vaccinaleLombardiaPoste ItalianeVaccino