Lombardia, nuova ordinanza: mascherine restano obbligatorie

Lombardia con mascherine da indossare al chiuso fino al 10 settembre, misurazione della temperatura in ufficio e nei negozi e maggiore libertà sui mezzi pubblici di trasporto

newsby Marco Enzo Venturini1 Agosto 2020


Le mascherine restano obbligatorie in Lombardia, quantomeno in luoghi al chiuso. Anche all’aperto saranno però da avere sempre con sé, e da indossare nel caso in cui ci si trovi in situazioni in cui il distanziamento sociale non è garantito. Lo ha stabilito il presidente della Regione, Attilio Fontana, in un provvedimento che sarà in vigore dal 1° agosto al 10 settembre.

Lombardia: mascherina sempre con sé e temperatura sotto controllo

La nuova ordinanza sulla Fase 3 in Lombardia prevede anche il rinnovato obbligo di misurarsi la temperatura corporea sul luogo di lavoro. Lo stesso continuerà a succedere anche per i clienti dei ristoranti, con divieto di accesso in caso di superamento dei 37,5 gradi. In presenza di una temperatura superiore a tale soglia, inoltre, sarà necessario contattare immediatamente il proprio medico curante.

Mezzi pubblici e celebrazioni religiose: le ultime novità

In Lombardia si potrà invece tornare a utilizzare i mezzi pubblici in maniera più completa, anche se non ancora totale. La nuova ordinanza prevede infatti l’accesso fino ad occupare il 100% dei posti a sedere e il 50% dei posti in piedi. Discorso valido ed estendibile anche ai treni adibiti al trasporto pubblico a livello regionale. Sui taxi e le auto a noleggio con conducente, invece, gli unici a poter derogare all’obbligo del distanziamento interpersonale saranno i membri della stessa famiglia e i conviventi.

Altro aspetto di grande rilievo riguarda le celebrazioni religiose al chiuso, su cui si è lungamente dibattuto nel corso della primavera e poi anche negli ultimi mesi. L’ordinanza della Regione Lombardia prevede ora che tali eventi possano avere luogo. La condizione è che il numero di partecipanti derivi direttamente dal numero di posti utilizzabili in modo da garantire la distanza di sicurezza. Il limite è di 350 persone, superabile in presenza di maggiori capienze della struttura. Purché, ovviamente, il distanziamento sociale sia rispettato.


Tag: CoronavirusFase 3MascherineRegione Lombardia