Covid, allarme in Germania: “Pandemia dei non vaccinati”, ansia Trieste

I numeri della Germania spaventano, e il ministro della salute spiega: "Molti non vaccinati contro il Covid e pochi controlli sul Green Pass". Ecco i numeri

newsby Marco Enzo Venturini3 Novembre 2021



Una vera e propria “pandemia dei non vaccinati“. La sta attraversando la Germania, e questo è il termine utilizzato da Jens Spahn, locale ministro della Salute. E il dato tedesco sul Covid induce a riflettere anche altre zone del mondo sull’importanza della campagna vaccinale. E tra queste c’è anche l’Italia, per l’eco di quanto sta avvenendo a Trieste.

I numeri della Germania e perché spaventano

Giusto, però, cominciare dalla Germania e dai suoi numeri. A illustrarli, in una conferenza stampa a Berlino, è stato Lothar Wieler, presidente dell’istituto tedesco Robert Koch. “Nelle ultime 24 ore si sono registrati 194 decessi con e per Covid. Una settimana fa erano stati 114 – ha evidenziato –. E la quarta ondata si sta sviluppando esattamente come immaginavamo, proprio perché tanti cittadini non si sono vaccinati“.

Lo stesso ministro Spahn ha poi parlato ancora più chiaro, citando peraltro l’Italia come esempio virtuoso del contrasto al Covid. “Vogliamo accelerare sui richiami con la terza dose di vaccino – ha spiegato –. Israele proprio così è riuscita a far abbassare la curva. E, a Roma, ho vissuto personalmente un’esperienza. In occasione del G20 ho dovuto esibire il Green pass più spesso in un giorno di quanto avviene qui in quattro settimane. In Germania troppo spesso non si controlla sulla base della fiducia“.

L’importanza della vaccinazione anti Covid (Trieste inclusa)

È peraltro opportuno ricordare che il caso della Germania non è isolato. Per esempio, in Russia sono addirittura 1.189 le persone morte nelle ultime 24 ore causa Covid. Si tratta del dato in assoluto più alto dall’inizio della pandemia. E la conferma arriva direttamente dal Centro nazionale per la lotta al virus. Ma la stessa Italia rappresenta un piccolo universo in tal senso. Soprattutto per quanto riguarda Trieste.

Tra il 1° e il 2 novembre, 2.818 persone sono risultate positive ai test Covid: lo indica il bollettino del ministero della Salute. Inoltre, si sono verificati 20 decessi e il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva è aumentato di 22, arrivando a 364. La provincia più colpita dall’aumento dei casi di Covid-19 è quella di Trieste, dove nelle ultime settimane sono state organizzate varie proteste contro il Green Pass. Qui i nuovi casi sono stati ben 801, in linea con i dati di autunno 2020 e primavera 2021. E, per correre ai ripari, le autorità di Trieste hanno annunciato l’introduzione di misure restrittive al diritto di manifestare.


Tag: campagna vaccinaleCoronavirusGermaniaJens SpahnRussiaTriesteVaccino