Carabinieri arrestati a Piacenza, il sindacato: “Non c’è nessun sistema”

Carabinieri a Roma, per una fiaccolata per sostenere il nome dell'Arma. Il segretario del Sim, Serpi: "Questi fatti accadono. Sono accaduti sempre"

newsby Redazione25 Luglio 2020



Una fiaccolata a Roma, in Via Pietro Cossa, organizzata dai Carabinieri per sostenere il nome dell’Arma dopo i terribili fatti di Piacenza.

A spiegarne i motivi è Antonio Serpi, segretario generale Sim Carabinieri, che ha voluto specificare a chiare lettere come i fatti della caserma Levante di via Caccialupo non rappresentino “un sistema”. L’inchiesta comprende una lunga serie di reati, dal traffico di droga all’estorsione e agli arresti illegali fino alla tortura. Reati che sarebbero il risultato di anni e anni di illegalità.

Carabinieri: la precisazione del sindacato

Ma il segretario del Sim Carabinieri non ci sta: “Non c’è nessun sistema. Questi fatti accadono – ha osservato Serpi –. Sono accaduti sempre a Piacenza nel 2013, con sei agenti della Polizia di Stato. Sono accaduti con la Guardia di Finanza, che ha avuto a sua volta le sue vicissitudini giudiziarie. Però quando succede a un carabiniere c’è un altro peso, perché da un carabiniere non ci si aspetta che si arrivi a questi comportamenti. Se sono avvenuti, perché poi vanno accertati, c’è la presunzione di innocenza. Non criminalizziamo nessuno. Però c’è la diversità del carabiniere, che deve dare più degli altri“.


Tag: Antonio SerpiCarabinieriPiacenza