Brusaferro, l’andamento del Covid
in Italia: “In corso decrescita lenta”

Brusaferro, dalla Cabina di Regia del ministero della Salute, spiega: "In altri Paesi c'è una ricrescita dell'incidenza, da noi lento calo. Prudenza per alcune Regioni"

newsby Redazione9 Aprile 2021



La curva in Italia ha raggiunto un plateau, mentre negli altri Paesi c’è una ricrescita. C’è in Italia una decrescita lenta e la maggioranza delle Regioni sono in decrescita per l’incidenza. Tuttavia ci sono ancora alcune Regioni in crescita“. Lo ha detto il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio della Cabina di Regia organizzata dal ministero della Salute.

La mappa d’Europa: Italia più chiara, altri Paesi si scuriscono

Alcuni Paesi, anche ai nostri confini, cominciano ad avere aree e regioni in cui il rosso diventa più scuro – ha fatto notare Brusaferro –. Questo vuol dire che l’incidenza cresce. In qualche modo, invece, l’Italia si sta lentamente schiarendo rispetto alle scorse settimane. In altri Paesi del centro Europa, viceversa, il colore si sta scurendo e il quadro sta quindi peggiorando“.

Brusaferro è quindi passato all’analisi delle curve sull’andamento dell’incidenza del Coronavirus in alcuni Paesi dell’Unione europea. Italia compresa. “Se guardiamo le curve – ha affermato –, queste danno un quadro più dinamico su quanto sta avvenendo. Qui la curva più spessa è quella dell’Italia, mentre la tendenza degli altri Paesi è alla ricrescita. Peraltro abbiamo appreso come alcuni Paesi a noi limitrofi abbiano adottato provvedimenti restrittivi per contrastare la crescita di questa curva“.

Brusaferro e le differenze tra Regioni italiane

A proposito dell’andamento dell’epidemia dall’inizio dell’anno scorso, invece, questa è stata l’analisi di Brusaferro: “Oggi ci troviamo in questa fase, caratterizzata da una decrescita lenta. Un dato confermato anche oggi. Solo l’ultima fase presenta dati un po’ più instabili, perché necessitano di essere completati da parte di tutte le Regioni“.

Importante anche l’analisi sull’andamento dei casi negli ultimi 14 giorni, con tanto di raffronto con le due settimane precedenti. “Ci troviamo in una situazione in cui la maggior parte delle Regioni sono in decrescita. Alcune Regioni, però, segnano ancora una crescita. In alcuni casi peraltro è anche significativa“, ha concluso Brusaferro. Di fatto ribadendo che la prudenza debba ancora essere altissima nonostante le buone notizie che riguardano buona parte dell’Italia.


Tag: CoronavirusIstituto superiore di SanitàSilvio Brusaferro