Istat, ripresa Italia supera le aspettative: Pil sfiorerà +5% nel 2021

Istat diffonde dati che l'Ocse conferma. E anche le agenzie di rating promuovono l'Italia, sia per l'anno in corso che in vista del 2022. Ma molto dipende dal Pnrr

Nadef 2021, il Cdm ha dato il via libera alla nota di aggiornamento
newsby Marco Enzo Venturini5 Giugno 2021


Buone notizie dall’Istat, secondo cui nel corso di quest’anno l’economia italiana potrebbe far registrare un rialzo del Pil vicino al 5%. Lo certifica l’istituto nelle sue prospettive per il 2021-22. Le previsioni appaiono più che positive. Migliori per l’anno in corso, peraltro, rispetto a tutte le stime finora diffuse: di Governo, Commissione europea, e le ultime di Bankitalia, Ocse e Fmi.

Cosa spinge in alto il Pil: l’analisi Istat

L’Istat parla di “una sostenuta crescita” del Prodotto interno lordo già nel 2021, che potrebbe chiudersi con un importante +4,7%. Molto buone anche le previsioni in vista del 2022, per cui si prevede un +4,4%. Un “deciso rialzo“, dopo il crollo dell’8,9% registrato nel 2020. Anno chiaramente disastroso, in quanto segnato dall’esplosione della pandemia e, a livello produttivo, dal lockdown.

Lo scenario delineato dall’Istat “incorpora gli effetti della progressiva introduzione” degli interventi previsti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza. “I rischi” associati allo scenario sono invece legati “all’effettiva capacità di realizzazione delle misure programmate e all’evoluzione dell’emergenza sanitaria“. Si prevede poi un “consolidamento del processo di ripresa dell’attività economica, con una intensità crescente nei prossimi mesi“.

L’Italia vista dall’estero: cosa dicono Fitch, Ocse e Fmi

I dati Istat sono stati quindi analizzati da Fitch, che di fatto li conferma. Le stime dell’agenzia di rating internazionale prevedono per quest’anno un Pil in crescita del 4,8%, sostenuto da una “forte ripresa nella seconda metà dell’anno“. Quindi per l’anno successivo si prevede un +4,3%. La valutazione del nostro Paese resta per il momento BBB-, con outlook stabile.

Positive anche le valutazioni di Ocse, Commissione europea (+4,2%) e Fondo monetario internazionale (+4,3%). L’Istat ha anche spiegato che l’aumento nel biennio sarà determinato dalla risalita della domanda interna trainata dalla “decisa accelerazione” degli investimenti. Questi ultimi dovrebbero infatti crescere nel 2021 e poi nel 2022 rispettivamente del 10,9% e poi dell’8,7%.


Tag: FitchIstatOcsePilPnrr