Yahoo Answers chiude, addio anche all’archivio: ecco da quando

Yahoo Answers nacque nel 2005 e arrivò in Italia nel 2006: anni in cui Wikipedia era agli inizi e i social network non erano esplosi. Poi il tracollo

Yahoo Answers
Yahoo Answers
newsby Marco Enzo Venturini6 Aprile 2021


Ha contribuito, in parte, a scrivere la storia del web. In Italia come nel resto del mondo. Gli anni però ne hanno provocato un invecchiamento precoce quanto implacabile. E così Yahoo Answers si prepara a chiudere per sempre. Lo farà a partire dal 4 maggio prossimo, scrivendo la definitiva parola “fine” su un servizio utile per anni e poi mestamente tramutatosi in un’autentica calamita per buontemponi.

Yahoo Answers: gli anni del boom

Yahoo Answers nacque nel 2005, e in Italia arrivò nel 2006. Erano gli anni in cui Wikipedia stava iniziando a farsi strada nel web, ma era nota solo a una ristretta percentuale di utenti più o meno esperti di internet. Soprattutto, però, i social network erano ancora lontani dalla loro esplosione. Rendendo effettivamente essenziale un servizio online che permettesse di porre domande sui più disparati argomenti dello scibile umano. E, a chi avesse a disposizione una risposta, a darla. Peccato che il senso generale del tutto sia andato via via sfumando.

Se, infatti, Yahoo Answers era in origine un sito realmente utile e soprattutto con una sua credibilità, l’esplosione di altre piattaforme ne ha provocato il tracollo. Per anni, va detto, il servizio della multinazionale californiana, forniva risposte effettivamente autorevoli a domande mirate. Da molti anni, purtroppo, non era però più così.

Wikipedia, i social network e il tracollo

Da tempo Yahoo Answers si è di fatto tramutato in un luogo del web che ospita domande schizofreniche e risposte surreali. In rete si trovano ormai piattaforme ben più strutturate per chi è in cerca di un approfondimento sui più disparati argomenti. E così il vecchio, utilissimo servizio del 2005 è divenuto un ricettacolo di dialoghi senza capo né coda, che hanno fatto la fortuna di meme e pagine satiriche che sono proliferate proprio su quei social network che ne hanno determinato il declino.

Così i programmatori di Yahoo Answers hanno deciso di dire basta. Troppo difficile era diventato moderare domande e risposte senza più alcun senso. Problematico era ormai barcamenarsi in un autentico universo di dati e rimuovere dai motori di ricerca quelli ormai superati dall’incedere del tempo. E così anche l’intero archivio sparirà dal web, in data 30 giugno 2021. Dando a chi è interessato la possibilità di salvarsi ciò che realmente è ancora utile. Dal giorno dopo un’altra pagina dell’intensa storia di internet diventerà definitivamente storia.


Tag: social networkYahoo