eSports, Margamat (Betclic Apogee): “Talento e passione la ricetta per vincere”

Matteo Margaroli, ventenne gamer di FIFA per il team Betclic Apogee Esports, spiega i retroscena per diventare un proplayer: "Allenamenti tutti i giorni e tanto sacrificio, ma all’inizio i videogiochi devono essere soprattutto divertimento"

Margamat
Foto | ufficio stampa
newsby Lorenzo Baletti29 Aprile 2022


Matteo Margaroli, ventenne gamer di FIFA per il team Betclic Apogee Esports, spiega i retroscena per diventare un proplayer: “Allenamenti tutti i giorni e tanto sacrificio, ma all’inizio i videogiochi devono essere soprattutto divertimento“.

Com’è nata la tua passione per i videogiochi?

La mia passione per i videogiochi nasce fin da piccolo. Ho sempre trascorso tantissimo tempo alla playstation: ai tempi c’erano la PS2 e la PS3, giocavo a calcio ma ogni volta che avevo un po’ di tempo libero mi mettevo alla play. Organizzavamo tornei con gli amici che spesso, meglio quasi sempre, vincevo (ride, ndr). Già lì si notava la mia predisposizione e il mio talento sui videogiochi.

Margamat esports
Foto | Ufficio stampa

…e come sei diventato un proplayer?

Col passare del tempo, giocando comunque solo a giochi di calcio e in particolare a FIFA (i giochi di guerra non mi sono mai piaciuti), sono diventato sempre più forte e ho iniziato a incuriosirmi anche all’ambito competitivo, guardando i video YouTube di molti proplayer. Con FIFA19 ho iniziato a ottenere molti risultati nella Weekend League e ciò mi ha permesso di essere notato da un’agenzia. Da lì in poi, anche con i loro aiuti, ho proseguito ad allenarmi e grazie alla mia passione, fondamentale come il talento, son riuscito a diventare un proplayer. Attualmente sono nel team Betclic Apogee Esports.

Come si allena un giocatore professionista? Com’è una tua giornata tipo?

L’allenamento è un fattore molto importante per quanto riguarda il gamer, soprattutto nelle vicinanze di un torneo. Per preparare un appuntamento importante, la mia settimana tipo si adatta al torneo, per giocare agli stessi orari in cui si giocherà l’evento. Dunque, gioco la mattina dalle 11 fino alla pausa pranzo per poi proseguire con altre 2/3 ore di partite contro proplayer, stando comunque attento anche a non esagerare. Insomma, si tratta di farsi quelle 3/4 ore di partite al giorno: non si diventa ovviamente più forte in una settimana ma ti alleni, tieni le mani allenate con l’obiettivo di stare mentalmente fresco.

Quali obbiettivi ti poni per il futuro, sia singolarmente sia come team Betclic Apogee?

Per il futuro, il mio obiettivo principale è di diventare una figura di rilievo sui social, perché comunque i social ricoprono un aspetto altrettanto importante per un gamer, che deve creare anche seguito e fan, un po’ come giocatori e club di calcio. Per quanto riguarda invece l’aspetto “tecnico” del player, uno dei miei obiettivi è qualificarmi ai mondiali di FIFA che sono l’evento più importante dell’anno. Spero di farlo con Betclic Apogee e portare in alto il nome del team perché merita molto, ha un’organizzazione fantastica ed è uno dei team migliori in Europa.

Quali consigli ti senti di dare ai tanti adolescenti che si avvicinano al mondo degli eSports?

Il mio consiglio principale è di non farsi troppe previsioni, non dire “devo diventare forte anche io”: FIFA deve nascere come una passione, un passatempo, non bisogna focalizzarsi subito sul farne il proprio lavoro. Se poi vedi che FIFA diventa una cosa più importante, in cui ci dedichi più tempo e cominci a renderti conto che stai diventando molto forte e ottenendo risultati, allora puoi anche pensare di farlo diventare il tuo lavoro.

Margamat FIFA
Foto | Ufficio stampa

Oltre ai videogiochi, segui anche gli sport “reali”? E quali altre passioni hai?

Sì, seguo il calcio, è il mio mondo, ho giocato per tanti anni e sono tifosissimo dell’Inter. Ho sempre voglia di vedere calcio, guardo tantissime partite quando sono a casa. Oltre a questo, ho una passione per la palestra, mi piace tenermi in forma e allenato. Vado ogni giorno in palestra, seguo diete e mi tengo in forma perché è importante comunque stare anche bene fisicamente per rendere al 100% nei videogiochi.


Tag: Betclic ApogeeeSportsMatteo Margaroli